Principale

Gomito

Malattie del collo e il loro trattamento

Le malattie della colonna cervicale torturano sempre più l'uomo moderno. È collegato al modo di vivere - una parte enorme della popolazione trascorre il lavoro quotidiano, seduto in una posizione tesa davanti allo schermo di un computer. Per curare i problemi al collo, è necessario non solo usare questi o altri farmaci, ma anche cambiare il modo di vivere: muoversi di più, fare ginnastica, frequentare i massaggi.

Perché il collo fa male

La salute della colonna vertebrale cervicale è principalmente una condizione delle articolazioni cartilaginee, cioè i dischi intervertebrali e le articolazioni delle faccette. Tendono a collassare a causa di vari fattori.

Per capire perché i tessuti della cartilagine sono distrutti, prestiamo attenzione allo stile di vita di una persona moderna. Dopo tutto, i problemi con il collo negli ultimi decenni sono stati molto "giovani". La professione di un gran numero di persone ora è che fanno del lavoro seduto davanti allo schermo di un computer.

Sono in questo stato di tensione. La posa è più spesso la stessa - la schiena è piegata, le spalle sono sopra il collo, i gomiti sono appesi, e la schiena e la testa non poggiano sullo schienale della sedia. E in questa posizione, un impiegato, un manager o un programmatore possono trascorrere molte ore di seguito.

Perché è dannoso? La circolazione sanguigna del tessuto cartilagineo sta peggiorando e i muscoli del collo vengono spasionati. I dischi intervertebrali e le articolazioni delle faccette non hanno il loro sistema circolatorio, ricevono sostanze nutritive dai tessuti molli circostanti. Allo stesso tempo, il tessuto cartilagineo è composto solo per il 10% da cellule, il resto è occupato dal fluido extracellulare. Se i nutrienti sono costantemente a scarseggiare, le cellule muoiono, il fluido smette di riprendersi.

  • Assicurati di leggere: dolore al collo e alle spalle

Di conseguenza, la cartilagine cessa di essere elastica, asciutta. Si sviluppano varie malattie della colonna cervicale. Questo processo è chiamato osteocondrosi, se i dischi intervertebrali sono colpiti, e l'artrosi, se le articolazioni della faccetta sono deformate. Queste patologie vanno spesso di pari passo e comunque causano un gran numero di complicazioni. Nel caso di osteocondrosi è una protrusione, ernia, osteofiti della colonna vertebrale.

Ernia del rachide cervicale

Le ernie cervicali più spesso fanno soffrire le persone di mezza età e più anziane. I sintomi di una tale ernia sono molto luminosi, e la diagnosi, di regola, non è difficile. L'ernia della vertebra cervicale è una delle complicanze più gravi del rachide cervicale. Come risultato dei processi degenerativo-distrofico, i dischi intervertebrali si seccano e cessano di essere elastici. Ciò porta al fatto che i loro tessuti si gonfiano prima, e poi la membrana fibrosa si rompe, e il nucleo pulpare della cartilagine esce, bloccando le radici nervose ei vasi sanguigni.

La ragione principale è l'osteocondrosi cervicale. Le tensioni croniche come risultato di una seduta costante e di movimenti improvvisi diventano fattori concomitanti.

I sintomi includono dolori acuti, spesso intollerabili. Inoltre:

  • I dolori tendono a irradiarsi alla cintura della spalla e agli arti superiori;
  • C'è un peggioramento della sensibilità dei palmi - intorpidimento, sensazione di "pelle d'oca che corre";
  • È difficile muovere il collo, a volte è quasi impossibile a causa del dolore e della paura di loro;

Per diagnosticare un'ernia del collo, i neurologi prescrivono spesso la risonanza magnetica. È necessario costruire una diagnosi dettagliata, per capire esattamente quali radici nervose sono bloccate. E anche, un punto importante: quanto è urgente l'intervento chirurgico. Poiché un'ernia nella regione cervicale è la più pericolosa a causa della vicinanza al cervello, è spesso prescritto un intervento chirurgico.

Il tessuto polposo che è andato oltre la struttura è bruciato con un laser o un bisturi. Il periodo di riabilitazione è lungo e un impianto in plastica o in titanio viene spesso installato sul sito del disco danneggiato. Vale la pena pagare questo prezzo per mantenere la capacità lavorativa e una normale qualità della vita.

Durante il periodo di riabilitazione, vengono utilizzate fisioterapia, procedure di massaggio (in questo caso, solo un professionista esperto può eseguirle), fisioterapia.

Spondilosi del collo

La spondilosi del rachide cervicale è un processo patologico in cui i bordi delle vertebre si ricoprono di escrescenze ossee. Queste eccedenze e depositi di sale sono chiamati osteofiti. Tali crescite influenzano negativamente, deformano il tessuto cartilagineo dei dischi intervertebrali.

Gli osteofiti del collo appaiono più spesso anche a causa di processi degenerativi-distrofici nella cartilagine intervertebrale. L'altezza del disco cervicale diminuisce e, di conseguenza, i corpi vertebrali gradualmente cancellano i bordi l'uno dall'altro. Al posto del tessuto osseo danneggiato, il corpo diventa nuovo e in eccesso. Gli osteofiti deformano nuovamente la cartilagine - il processo procede in circolo.

I sintomi includono rigidità, contrazioni spasmodiche dei muscoli del collo, sindrome del dolore. Possibili manifestazioni di asimmetria dell'arteria cervicale. Nel periodo di esacerbazione vengono prescritti antidolorifici e farmaci antiinfiammatori non steroidei. Può essere raccomandato il blocco della colonna vertebrale con novocaina.

Dopo che il periodo di esacerbazione è finito, è necessario fare ginnastica, perdere peso, frequentare le procedure di massaggio e fisioterapia. Ciò non restituirà le vertebre e i dischi del collo a uno stato normale, ma non consentirà al processo patologico di progredire ulteriormente.

Artrosi e artrite del collo

L'artrosi cervicale è un processo patologico in cui si deformano le faccette articolari del rachide cervicale. La malattia è non infiammatoria, senza il rischio di bloccare le radici nervose oi vasi del collo.

Tuttavia, vi è una forte sindrome da dolore e rigidità, come le articolazioni articolari secche del collo sfregano l'una contro l'altra. È difficile per il paziente muovere il collo, non solo per il dolore, ma anche per la paura che questo dolore arriverà.

I dolori diventano più forti al mattino dopo essersi svegliati. In questo caso, è necessario riscaldarsi, è preferibile eseguire esercizi mattutini, almeno al collo. La sensazione di rigidità sparirà rapidamente.

Inoltre, la sindrome del dolore è particolarmente dolorosa prima di coricarsi, quando c'è una dura giornata da fare, e c'è molto stress sul rachide cervicale. Durante questo periodo, non fa più male perché per lungo tempo le articolazioni sono "alle prese" l'una con l'altra, ma perché durante il giorno sono state ferite permanentemente. Di solito diventa più facile dopo che il paziente assume una posizione orizzontale e si rilassa.

Si osservano forti spasmi muscolari dovuti alle faccette articolari. Massaggi e semplici esercizi terapeutici aiutano a combatterli. Puoi anche usare i miorilassanti, ma ricorda che sono usati nei corsi e non nel periodo di esacerbazione.

Se si verifica un'infiammazione delle faccette articolari, la malattia è già classificata come artrite. Il processo infiammatorio può iniziare a causa di ipotermia, infezione. In questo caso, antinfiammatorio non steroideo.

Camera cervicale

La sensazione di tiro nella zona si chiama cervicalgia. Questo concetto è sotto un forte dolore, che è accompagnato da spasmi muscolari. Non appena il paziente avverte dolore, perde praticamente la capacità di muovere i muscoli del collo a causa di sensazioni dolorose. Dolore irradiato alla cintura della spalla e agli arti superiori.

Con l'aiuto della cervicalgia, il corpo è protetto dalle possibili complicanze del clampaggio del nervo. Lo spasmo muscolare è necessario per salvare il tessuto nervoso schiacciato da ulteriori effetti. Per questo motivo, c'è una forte sensazione di rigidità che non consente il movimento.

Lombalgia del collo non è una malattia indipendente, ma una complicazione e un sintomo di tali malattie, spondilosi, osteocondrosi, protrusione ed ernia. Al momento dell'attacco non è necessario contrastare la riduzione dei muscoli, basta rilassarsi, prendere una posizione comoda. Usa antidolorifici e poi consulta immediatamente un medico o un'ambulanza!

Quando il dolore si attenua, prova a muoverti. Senza intoppi, senza causare ulteriori disagi, girare la testa nella direzione in cui il dolore e la rigidità sono più forti. Raggiungere il massimo possibile, rimanere in questo stato. Non provocare forti dolori. Se i muscoli iniziano a rispondere, allora la condizione migliora. Utilizzare l'auto-massaggio della regione cervicale, ma solo dopo un bagno caldo, in modo che i muscoli siano già rilassati.

Per evitare un nuovo peggioramento, inizia ad allenarti. Se non c'è tempo per questo, è sufficiente eseguire il massaggio del collo in modo regolare. Cerca di tenere traccia della tua postura mentre lavori al computer, non sedere in servizio, alzati più spesso e riscaldati. In piscina, prenditi un po 'di tempo nuotando sulla schiena per rilassare i muscoli del collo.

Asimmetria dell'arteria cervicale

Il cervello riceve nutrienti e ossigeno attraverso due arterie che passano sotto la protezione delle vertebre nella regione cervicale della schiena. La circolazione sanguigna è progettata in modo che se uno di questi vasi viene pizzicato, il cervello sopravvivrà ancora, ricevendo il necessario dall'altra arteria. Tuttavia, questa condizione provoca sintomi spiacevoli dovuti al fatto che il cervello sta vivendo fame di ossigeno:

  • Mal di testa;
  • La pressione sanguigna aumenta;
  • Fa rumore nelle orecchie;
  • Mi scurisce davanti ai miei occhi;
  • Stati pre-incoscienti sono osservati;
  • Può verificarsi una perdita di coscienza a breve termine.

Molti pazienti iniziano a confondere questi sintomi con un attacco ipertensivo. E sono trattati di conseguenza - con l'aiuto di pillole per abbassare la pressione. Questo è un approccio fondamentalmente sbagliato e pericoloso, dal momento che l'aumento della pressione è uno strumento per il cervello per rifornirsi normalmente di ossigeno. Abbassando la pressione, una persona peggiora solo la sua posizione.

È possibile uscire da questa condizione dai cosiddetti preparati vascolari, che dilatano i vasi sanguigni o assottigliano il sangue. Questo gruppo include molti nootropici.

Come ripristinare la salute del collo

Se hai problemi con la colonna cervicale, i sintomi possono essere superati. È tutt'altra cosa: una vittoria sulla loro causa. La ragione: nei cambiamenti degenerativi della cartilagine e del tessuto osseo. Questi tessuti non si rigenerano e la medicina moderna non conosce ancora la panacea, con cui sarebbe realizzata. Un gran numero di cliniche private speculano sul fatto che presumibilmente hanno determinati metodi per ripristinare la colonna vertebrale cervicale.

Ma tali dichiarazioni contrastano le frodi. La cartilagine e il tessuto osseo non vengono ripristinati. Ma questo non è un motivo per disperare - anche se il paziente ha un sacco di malattie del collo. In questa situazione, devi lavorare sodo e cambiare il tuo stile di vita in modo che i cambiamenti negativi non inizino a progredire. Non pensare che i farmaci ti aiuteranno in questo - sono necessari solo per fermare i sintomi nel periodo di esacerbazione.

farmaci

Se nel rachide cervicale si sono sviluppate malattie e patologie, si verificano spesso processi infiammatori, pizzicando il nervo cervicale, l'arteria cervicale viene bloccata o spara al collo. Con un quadro così clinico, è ancora presto per pensare a come prevenire l'ulteriore sviluppo della patologia. Prima di tutto, devi affrontare i sintomi - per restituire alla paziente qualità della vita, mobilità, alleviare il dolore.

Per questo, gli antidolorifici vengono immediatamente utilizzati. Per dolori insopportabili, può essere prescritto un blocco di iniezione della colonna vertebrale con novocaina. Molto spesso, la fonte del dolore è il processo infiammatorio. Pertanto, insieme agli analgesici sono prescritti farmaci anti-infiammatori non steroidei. Possono essere venduti non solo sotto forma di tablet, ma anche sotto forma di fondi esterni. Lo svantaggio di tali farmaci (usati sia all'interno che all'esterno) è che c'è un effetto negativo sul tratto gastrointestinale.

Malattie della colonna vertebrale cervicale: cause, trattamento, sintomi, segni

Malattie del rachide cervicale.

Sintomi originari della colonna cervicale

La colonna vertebrale cervicale consiste di sette vertebre. Il primo di essi (il più alto), chiamato Atlantideo, svolge due funzioni principali, che ne determinano la struttura.

  • Per prima cosa, si regge sul suo cranio come una ciotola di zuppa. Per questo, ha due processi articolari che sono attaccati al cranio nella parte posteriore della testa.
  • In secondo luogo, è coinvolto nel girare la testa. Invece del corpo vertebrale nella sua parte anteriore c'è una specie di scanalatura anulare, che include il processo denticolare della seconda vertebra cervicale. Questa connessione e consente alla testa di ruotare in diverse direzioni.

La seconda vertebra cervicale è chiamata epistrofia (dal greco Epistrepho - "I rotate"). È lui che fornisce la connessione che consente all'atlante e alla testa di ruotare. Ciò è ottenuto dalla dentatura nella parte anteriore dell'epistrofia (questo processo sostituisce il corpo vertebrale che è presente nelle restanti vertebre).

L'unicità della struttura delle prime due vertebre è dovuta al fatto che devono fornire alla testa la possibilità di girare in direzioni diverse. Sebbene il cranio sia saldamente attaccato alla prima vertebra cervicale attraverso i tendini e i legamenti rigidi, la giunzione dell'atlante e dell'epistrofia gli consente di compiere movimenti assottigliandosi.

Nel frattempo, la connessione mobile delle due vertebre cervicali superiori è associata ad un inevitabile aumento del rischio relativo al loro spostamento l'uno rispetto all'altro, motivo per cui il famigerato dolore nella regione occipitale appare. I legamenti forti situati nella regione occipitale sono spesso danneggiati a causa di cadute, incidenti, posture scorrette o improvvisi movimenti del collo. Questo porta a infiammazione e dolore acuto alla base del cranio. Il dolore si intensifica quando si tenta di girare il collo, ma di solito rimane quando la testa è ferma. Come succede con tutti i tendini infiammati, fanno male soprattutto in uno stato rilassato, cioè di notte. Per questo motivo, le persone che affrontano problemi simili spesso si svegliano nel cuore della notte con dolore nella regione occipitale.

Anche la terza vertebra cervicale ha un significato speciale, perché si trova tra un'epistrofia molto mobile e una colonna di vertebre relativamente meno mobili (dalla quarta alla settima). Ogni volta che l'epistrofia si muove troppo bruscamente, la terza vertebra non ha praticamente altra scelta che spostare e assumere una posizione insolita.

Qualsiasi terapeuta manuale o osteopata confermerà che è più spesso la terza vertebra che viene spostata nella regione cervicale. Diversi anni fa, un gruppo di chiropratici specializzati esclusivamente in esso è stato anche formato negli Stati Uniti. Credevano che questa vertebra fosse la causa principale della maggior parte dei problemi associati al collo.

Dalla spina cervicale lascia un enorme numero di nervi. Camminano verso le spalle, il collo e le braccia, raggiungendo la punta delle loro dita. Le vertebre cervicali, essendo piatte e relativamente vulnerabili, spesso si spostano dal loro solito posto. Questo può accadere a causa di infortuni, una brusca rotazione della testa, una caduta, l'uso di diversi cuscini durante il sonno, postura scorretta, ecc. A volte lo spostamento delle vertebre cervicali porta alla spremitura o alla perdita dei corrispondenti dischi intervertebrali, che a loro volta sono carichi di irritazione o pizzicore del nervo vicino.

Come risultato dello spostamento delle vertebre, compaiono vari sintomi neurologici, che vanno dal dolore banale e terminano con intorpidimento delle mani o delle dita.

Nel collo umano, a differenza di altri mammiferi, la più piatta e, forse, la più piccola vertebra. Sono molto magri e vulnerabili. Mentre ti sposti lungo la colonna vertebrale, le vertebre diventano più larghe e più spesse. Anche i dischi intervertebrali nella regione cervicale sono sottili, poiché devono sopportare solo il carico di peso della testa e del collo. Più bassi sono i dischi intervertebrali, maggiore è il carico di peso esercitato su di essi, quindi devono semplicemente essere più grandi. I dischi intervertebrali nella sezione cervicale hanno più probabilità di assomigliare a rondelle sottili, in modo che, di regola, non si verificano di solito le caratteristiche problematiche di altre parti della colonna vertebrale. Lo strato di cartilagine e l'interno della parte liquida sono molto sottili (il più delle volte si verificano gravi problemi con i dischi intervertebrali nella regione lombare).

stress

Lo stress e il superlavoro sul lavoro inevitabilmente causano rigidità dei muscoli del collo. La loro tensione porta ad una diminuzione della distanza tra il cranio e le spalle, che è il motivo per cui i dischi intervertebrali sono soggetti a una maggiore pressione e le vertebre stesse possono spostarsi l'una rispetto all'altra.

Alcuni tipi di attività professionali, come quelle associate all'uso costante di un computer o frequenti e lunghi viaggi al volante di un'auto, contribuiscono a movimenti del collo rigidi.

Quindi, a causa del fatto che la testa rimane nella stessa posizione per lungo tempo, i muscoli del collo sono eccessivamente allenati e la pressione sui dischi intervertebrali della regione cervicale aumenta.

La natura dei sintomi neurologici derivanti da problemi al collo dipende da quali fibre nervose sono bloccate o irritate dalla vertebra spostata, nonché dal grado di impatto su questi nervi. Se i nervi non sono affatto interessati, la persona semplicemente prova dolore al collo e si sente rigida nei muscoli situati qui. Se i nervi vengono pizzicati, la persona avverte forti dolori, formicolio, bruciore, formicolio e sensazioni simili a una scossa elettrica, lungo l'intera lunghezza del nervo interessato. Queste cosiddette sensazioni riflesse possono verificarsi ovunque, anche a portata di mano.

Nella fase embrionale, quando gli arti superiori e inferiori si sviluppano, tirano le fibre nervose dal midollo spinale dietro di loro, che li legano ad esso. Si scopre che i nervi sono una sorta di cablaggio elettrico, che viene utilizzato per equipaggiare gli arti e il busto lungo l'intera lunghezza. Immagina un uomo sporgendosi in avanti e mettendo le mani sul tavolo. I nervi del pollice hanno origine nella regione della terza vertebra cervicale, poiché è più vicino al cervello. Il mignolo viene fornito con i nervi che iniziano al livello della quinta e sesta vertebra cervicale, poiché si trova al di sotto, cioè più lontano dal cervello. Da ogni parte del midollo spinale c'è un nervo responsabile di qualsiasi parte degli arti. Il nostro corpo è diviso in sezioni, ognuna delle quali è dotata di un proprio nervo, che parte dal midollo spinale. Quindi, determinando il luogo di intorpidimento o formicolio, è possibile capire a quale livello della colonna vertebrale si sono verificati irritazione o pizzicamento del nervo. C'è una regola semplice: il pollice corrisponde a una vertebra superiore, il mignolo - una vertebra inferiore.

Dolore, formicolio o bruciore sono associati all'irritazione delle radici nervose dal disco intervertebrale o da qualsiasi altro elemento dello scheletro. Intorpidimento e formicolio sono causati, a sua volta, dal pizzicamento meccanico della radice nervosa, a causa della quale smette di inviare il segnale necessario al cervello.

Se il nervo motorio viene schiacciato, ciò limita significativamente la mobilità della parte corrispondente del braccio. Una persona non è in grado di gestire completamente una o più dita, polso, ecc.

Il collo è una parte molto mobile e, quindi, la parte più vulnerabile della colonna vertebrale umana. Lei stessa è diversa struttura difficile. Inoltre, il suo danno può influire negativamente sul lavoro del cervello e portare all'emergere di una vasta gamma di sintomi che fino ad ora nessuno degli scienziati si è preso la briga di combinare in un'unica sindrome. In modo amichevole, questa domanda richiede un'analisi dettagliata che influenzi il valore della parte subconscia del cervello.

Trattamento delle malattie del rachide cervicale

Quando si trattano problemi con la colonna vertebrale cervicale, prima di tutto è necessario assicurarsi che la persona mangia in modo corretto, cioè eviti gli agrumi e il caffè, non abusino di alcool e zucchero, non si droghi e beva abbastanza acqua. Questo è estremamente importante: l'eccesso di acido e la mancanza di liquidi contribuiscono alla deposizione di sali di calcio nella regione cervicale.

Il sonno dovrebbe essere su un cuscino sottile, perché più il collo è sollevato, maggiore è il carico esercitato sui muscoli del collo durante il sonno.

Il principale metodo utilizzato nel trattamento delle malattie del rachide cervicale - massaggio. Inizia nella parte superiore delle spalle del paziente. Elabora i muscoli trapezi, grandi muscoli romboidi, che si estendono dalla base del cranio e attraversano la parte superiore della spalla su entrambi i lati del corpo. Dopodiché, ritorna alla zona delle scapole, e da lì continua verso la parte centrale della schiena in modo che si formi un diamante. Massaggia i muscoli completamente, prestando particolare attenzione alle aree con crampi. Quasi certamente troverete noduli densi nella parte superiore delle spalle, quindi lavorate con cura in quest'area, aiutandovi a liberarvi dei depositi di acido lattico.

Utilizzare un olio speciale per il massaggio alla schiena - questo aiuterà ad alleviare la tensione dai lati del collo.

Massaggiando il collo sui lati (questo dovrebbe essere fatto dal retro, non dal davanti), troverete posti molto dolorosi. Ci sono articolazioni danneggiate che possono essere rilassate. Usando i pollici, batterli con un movimento circolare in entrambe le direzioni per ciascuna delle sette vertebre. Questo non solo aiuterà ad alleviare il dolore, ma contribuirà anche al recupero.

Dopo ciò, il paziente dovrebbe sdraiarsi sulla schiena. Prendi un asciugamano, mettilo sotto il collo del paziente e posiziona i pennelli con le dita intrecciate tra esso e l'asciugamano. I pollici dovrebbero essere appena sotto la testa. Correggi questa posizione della mano. Chiedi al paziente di respirare in modo uniforme mentre la sua testa è appoggiata alle tue braccia, e poi inizia a tirare il collo verso di te, come se cercasse di separarlo dal corpo. Continua a tirare per un po 'di tempo. Senti tutti i muscoli del collo e inizia a massaggiare quelli che sono troppo stretti o dolorosi.

Non sarà difficile trovare muscoli tesi e dolenti, e più sono morbidi, più hanno bisogno di essere massaggiati. Inizia con movimenti leggeri, passando gradualmente a più energici. Uno dei segni evidenti di sollievo dal dolore è un forte afflusso di sangue alla testa e un conseguente miglioramento del benessere del paziente. Grazie a questo, puoi capire che la tensione muscolare è scomparsa.

Quando i muscoli sono tesi, la loro lunghezza diminuisce. E quando si rilassano, si allungano simultaneamente e il dolore scompare.

Se ti fa male il collo, fai un bagno caldo con una soluzione di salgemma. Mentre si trova nell'acqua, massaggiare leggermente il collo con una piccola quantità di sapone. L'acqua calda allevia la tensione e i muscoli si rilassano a causa dell'espansione dei vasi sanguigni. Questo è un modo semplice per fornire ai muscoli problematici un'ulteriore porzione di ossigeno, in modo che l'infiammazione passi molto rapidamente.

Dopo di che puoi fare gli esercizi.

Se soffri di dolore acuto, l'esercizio deve essere eseguito due volte al giorno - al mattino e alla sera. Il riscaldamento mattutino è necessario per liberare i muscoli dalla rigidità, quindi sarà molto più facile per te resistere fino alla fine della giornata. Per quanto riguarda gli esercizi serali, ti aiuteranno ad addormentarti. Per il dolore cronico, fai yoga una volta al giorno e fai un massaggio due volte a settimana.

Durante il massaggio al collo non dimenticare i muscoli della mascella. Il dolore spesso porta alla compattazione, alleviandoli dallo stress. Più i muscoli della mascella sono tesi, più la tensione arriva alla proporzione dei muscoli del collo. C'è una relazione diretta tra loro. Massaggiare questa zona, allenare le articolazioni, incluso il temporomandibolare (ATM), massaggiare le tempie direttamente sopra i lobi delle orecchie, dove si trovano anche i muscoli della mascella. Quando una persona sperimenta uno stress significativo, anche questi muscoli si irrigidiscono. Ricorda: uno spasmo dei muscoli masticatori è un segno di uno stress molto forte.

Perché l'infiammazione si sviluppa nelle vertebre cervicali e come trattarla

Secondo le statistiche dell'OMS, la lesione infiammatoria della colonna vertebrale si verifica nello 0,8% della popolazione. L'infiammazione più comune delle vertebre cervicali. Ciò è dovuto alle peculiarità della struttura anatomica e alla funzione della colonna vertebrale.

Qual è l'infiammazione delle vertebre cervicali?

La regione cervicale è la parte più vulnerabile della colonna vertebrale. Il collo ha un debole corsetto muscolare. Una caratteristica di questo dipartimento è che i corpi vertebrali sono più sottili qui che in altre aree, mentre le vertebre si trovano vicine l'una all'altra. Il loro spostamento porta alla compressione dei nervi e dei vasi sanguigni che emergono dalla colonna vertebrale.

Processi infiammatori si verificano sullo sfondo di disturbi funzionali della colonna vertebrale. L'infiammazione delle vertebre cervicali è espressa in cambiamenti nella struttura e nella deformazione dei dischi intervertebrali. Spesso, l'infiammazione cronica si trasforma in malattie degenerative, la più comune delle quali è l'osteocondrosi.

Segni di infiammazione delle vertebre cervicali

Il primo segno di un processo infiammatorio è il dolore di varia intensità nel collo. Sono costretti a prestare attenzione allo stato di salute. Quando la reazione infiammatoria è spremitura e gonfiore dei tronchi nervosi e dei vasi sanguigni. Di conseguenza, la funzione dei percorsi viene interrotta. Il dolore si estende all'area di innervazione del nervo coinvolto:

  • la parte posteriore della testa;
  • gli occhi;
  • le orecchie;
  • braccia (avambraccio, spalla e mani);
  • regione lombare.

Il dolore è aggravato cambiando la posizione del corpo (piegando, girando la testa di lato) Periodicamente c'è un forte dolore sul lato della lesione. Rigidità marcata nella colonna cervicale. L'infiammazione prolungata rallenta la conduzione di un impulso nervoso. Questo si manifesta con intorpidimento e formicolio nelle mani. Il dolore per un po 'può placarsi, quindi ricorre. La localizzazione del dolore dipende dalla posizione della lesione delle vertebre cervicali.

La circolazione del sangue alterata nel cervello si manifesta con vertigini durante i bruschi giri della testa, l'acufene e la perdita dell'udito. Questi sintomi sono associati alla compressione vascolare con tessuti infiammati.

Le principali cause di infiammazione delle vertebre cervicali

L'infiammazione del rachide cervicale può verificarsi per molte ragioni. Un fattore particolare non esiste. I principali sono considerati tali:

  • predisposizione genetica;
  • lesioni al collo traumatiche (distorsioni, contusioni e fratture);
  • cambiamento di postura;
  • scoliosi;
  • stile di vita sedentario;
  • azioni associate al sollevamento pesi;
  • frequenti cambiamenti nella posizione del corpo;
  • essere nella stessa posa per molto tempo;
  • tensione nervosa.

Un ruolo enorme nello sviluppo dell'infiammazione delle vertebre cervicali è l'ereditarietà. Più spesso, le donne sono inclini alla malattia. La predisposizione ereditaria in combinazione con uno qualsiasi dei suddetti fattori porta allo sviluppo di osteocondrosi del rachide cervicale. Tali disturbi non sono infiammatori, ma a lungo andare si trasformano in infiammazione.

Esistono due stadi dell'osteocondrosi:

La causa principale del dolore è l'infiammazione dell'osteocondrosi cervicale. L'osteocondrosi è una malattia cronica e richiede un trattamento nella fase acuta.

I cambiamenti degenerativi delle strutture ossee in quasi il 100% dei casi causano malnutrizione e infiammazione delle radici nervose, che è chiamata sciatica. La malattia può verificarsi in modo acuto. Ma il più delle volte i sintomi aumentano gradualmente dopo l'esposizione a un fattore negativo. Ogni giorno aumenta la sindrome del dolore.

Trattamento dell'infiammazione delle vertebre cervicali

Di grande importanza prima che la nomina della terapia abbia una diagnosi. È necessario iniziare il trattamento solo dopo la conferma della diagnosi. Le misure diagnostiche includono quanto segue:

  • Risonanza magnetica di testa e collo;
  • Ultrasuoni di vasi e tessuti molli del collo;
  • esame del sangue clinico;
  • Proteine ​​del sangue C-reattivo.

Ogni ricerca presa separatamente non può essere specifica per l'affermazione della diagnosi. Un ruolo importante è svolto dall'esame del neuropatologo, che è necessario per valutare i riflessi sul sito di lesione. Solo un esame cumulativo farà una diagnosi.

La terapia del processo infiammatorio dovrebbe essere completa. Il trattamento della fase acuta dell'infiammazione è l'uso di tali gruppi di farmaci:

  • antidolorifici (pomata di Voltaren, gel di Naklofen, compresse di ketoprofene);
  • antinfiammatorio (Diclofenac, Movalis);
  • rilassanti muscolari (Mydocalm, tizanidina);
  • decongestionanti (Lioton 1000, Lyogel);
  • condroprotettore (Teraflex, Hondroksid).

Gli antidolorifici, i farmaci anti-infiammatori e anti-edematosi bloccano i sintomi della malattia. I rilassanti muscolari rilassano il corsetto muscolare, migliorano i processi metabolici nella colonna vertebrale. I condroprotettori ripristinano le strutture cartilaginee delle vertebre, migliorano i processi di scorrimento nelle articolazioni della colonna vertebrale e facilitano il movimento.

L'uso della terapia farmacologica consente di ottenere una cura stabile della malattia.

Dopo la rimozione dei sintomi di infiammazione acuta, vengono prese misure che rafforzano il risultato e accelerano la riabilitazione. Tale trattamento include le seguenti procedure:

  • terapia laser (metodo fisioterapico);
  • massaggio del collo e del collo (movimenti circolari e lisci);
  • terapia manuale (eseguita solo da un terapista manuale).

Va notato che i condroprotettori vengono applicati secondo lo schema per almeno sei mesi per ottenere un effetto terapeutico. Un breve ciclo di trattamento non avrà un effetto positivo sul corpo.

Ogni singolo caso della malattia comporta un trattamento individuale. La terapia è prescritta solo da un medico. Il trattamento auto-selezionato può portare a un processo cronico.

conclusione

L'efficacia della terapia dipende in gran parte dall'inizio tempestivo del trattamento. Il ritardo può portare a cambiamenti irreversibili nelle vertebre. Anche i piccoli segni di infiammazione dovrebbero essere un motivo per andare da un medico.

Sintomi e trattamento delle malattie del rachide cervicale

La regione anatomica più flessibile nella composizione dello scheletro assiale - la regione cervicale - è soggetta a molte malattie, a causa delle peculiarità della sua struttura e dell'elevato carico funzionale posto su di esso.

Le malattie del rachide cervicale stanno diventando sempre più comuni tra i giovani, in quanto ha un enorme carico funzionale, fornito da una struttura specifica. La mancanza di una predisposizione genetica a camminare rettamente negli esseri umani ha portato a molti processi patologici nella colonna vertebrale.

Cause di dolore al collo

L'emergere di una vasta gamma di fenomeni negativi, uniti sotto il termine generale "malattie del collo", è diventato molto diffuso a causa del loro aspetto complesso e dell'effetto cumulativo ottenuto durante l'interazione. Le malattie del collo sono il risultato dell'influenza di varie cause che vanno dai cambiamenti legati all'età ai disordini metabolici e all'ereditarietà.

Le principali cause di dolore al collo possono essere suddivise in diversi grandi gruppi con sintomi simili:

  • disturbi della colonna vertebrale;
  • lesioni e disturbi fisiologici sotto l'influenza di cause esterne negative;
  • altre malattie che possono causare dolore al collo.

L'osteocondrosi, che è diventata un vero disastro del secolo attuale, le patologie metaboliche, le disabilità sistemiche, nel suo corso normale, i cambiamenti degenerativi-distrofici nel tessuto osseo, tutto ciò porta a processi gravi e irreversibili.

Dolore al collo derivanti da malattie della colonna vertebrale, e può essere causato da una vasta gamma di motivi che sono associati con la malattia che rappresenta una minaccia diretta per la vita umana.

condizioni di vita moderni, mancanza di esercizio fisico, mancanza di attività fisica, la deformità della colonna vertebrale acquisita al lavoro professionale di un certo tipo, il metabolismo e il metabolismo cellulare naturale hanno portato al fatto che la malattia sistemica della colonna vertebrale sono diventato un luogo comune, e la loro età è diminuita in modo significativo.

Dolore nella colonna cervicale non può sempre essere causato da patologie vertebrali, ma presenta sempre un pericolo significativo per il normale flusso di processo di vita. Spesso questo porta non solo alla perdita temporanea e parziale della mobilità, ma anche all'interruzione di molte altre funzioni del corpo.

Malattie del collo che causano dolore

La divisione delle condizioni per l'insorgenza del dolore in gruppi condizionali rende possibile, dopo la diagnosi, determinare e attuare la corretta tattica delle misure terapeutiche. Le ragioni che appartengono a diversi gruppi di malattie richiedono l'intervento di specialisti in diverse direzioni.

Il primo gruppo è solitamente indicato osteocondrosi, protrusione, ernia del disco intervertebrale, osteoporosi, stenosi spinale, compressione del midollo spinale, nervi pizzicati, spondilosi cervicale, artrite reumatoide, scoliosi, sfaccettatura artropatia, spondilite anchilosante, miosite, radicolopatia e tumori spinali.

Le lesioni traumatiche della colonna cervicale spesso causano altre anomalie vertebrali. Portano alla distruzione delle vertebre, dei dischi intervertebrali, dei muscoli e dei legamenti. Questa può essere una fonte di dolore, sia direttamente durante l'infortunio sia come suoi effetti.

La fonte del dolore può essere uno stress esercitato sui muscoli del collo e le vertebre cervicali durante un soggiorno permanente in una posizione scomoda sul posto di lavoro, dormire su un letto scomodo, ipotermia, sovratensione durante l'esercizio fisico o di sport, altri motivi non traumatica.

Altrettanto vasta gamma provoca dolore è un gruppo di patologie indotte da malattie infettive e infiammatorie sono situati vicino agli organi del collo. Linfoadenite linfonodi cervicali linfatici, malattie coronariche, il cancro, le malattie infettive (meningite, poliomielite), emorragia subaracnoidea, malattia esofagea e persino depressione - tutte le possibili cause di dolore al collo.

Il disagio e la mobilità limitata, accompagnato da problemi di colonna cervicale, porta anche una violazione della disabilità e stato psico-emotivo, riducendo il numero di funzioni critiche del corpo: vista, udito, e l'attività cerebrale.

Cause di dolore nei bambini

Nell'infanzia, le malattie infettive diventano la causa più comune di dolore al collo:

  • la meningite;
  • poliomielite;
  • osteomielite;
  • polmonite grave con segni di meningismo;
  • parotite epidemica (con infiammazione delle ghiandole salivari).

La causa più comune a questa età è la linfoadenite, causata da complicanze post-anginose che causano l'infiammazione dei linfonodi. Neoplasie, ascessi, emorragie intracraniche, artrite reumatoide e spasmi muscolari possono provocare dolore, in cui i nervi e i vasi sanguigni soffrono.

Quali sintomi possono accompagnare il dolore?

Un sintomo comune per la malattia cervicale è il dolore in questo segmento. I sintomi individuali forniscono la malattia, la natura e il grado della sua manifestazione, le condizioni generali del paziente, le malattie croniche concomitanti.

Le lesioni sono accompagnate da rigidità muscolare e presenza di ematomi. Distorsione e rottura dei legamenti - violazione della mobilità degli arti superiori e dei muscoli del collo.

Osteocondrosi è caratterizzata da disturbi del movimento, il dolore lo scapolare e occipitale zone delle mani, testa, nei casi più gravi, i sintomi sono intensificati. L'attenzione al dolore non sempre diventa l'area in cui si trova la vertebra danneggiata.

Molti segni di malattie derivanti dalla specializzazione professionale possono essere visti solo da uno specialista. Ma il dolore al collo dovrebbe essere una scusa indispensabile per il trattamento immediato dell'assistenza medica.

Metodi di diagnosi e cura delle malattie del collo

Il più significativo nelle malattie del collo diventa sempre uno studio a raggi X, in cui i cambiamenti nelle strutture ossee sono chiaramente visibili. Ulteriore processo diagnostico viene effettuata mediante analisi di laboratorio di urina, sangue e feci, rendendo possibile rilevare infettive, infiammatorie, lesioni parassitarie.

Essi sono effettuati nel caso in cui un neurologo non vede alcuna ragione per assumere la conseguenza dolore delle lesioni della colonna vertebrale. In questo caso, potrebbe essere necessario consultare un infettiva specialista in malattie, chirurgo, traumatologo, ortopedico, reumatologo, neurologo, otorinolaringoiatra, gastroenterologo, cardiologo, fisioterapista.

La terapia di eventuali malattie del collo, indipendentemente dalla loro eziologia, viene effettuata con un metodo complesso utilizzato nel caso fornito dalla diagnosi. Di solito il trattamento consiste di due blocchi: medico e non farmacologico. In alcuni casi gravi, viene utilizzato un intervento chirurgico.

Le malattie della colonna vertebrale cervicale sono un gruppo comune di malattie, la cui comparsa di solito è causata da vari fattori negativi. La struttura anatomica della colonna cervicale, che permette di eseguire un sacco di stress, per dare la mobilità per il corpo umano, allo stesso tempo è la causa delle sue ferite frequenti. Questo conduce infine al fatto che uno su dieci persone in una certa età comincia a sperimentare il dolore e il disagio nella natura flessibile del segmento dello scheletro.

Malattia del trattamento dei sintomi della colonna cervicale

Sporgenza del rachide cervicale. Malattie della colonna vertebrale: sintomi, trattamento, prevenzione

La salute spinale è una delle condizioni principali per il corretto funzionamento di tutto il corpo e degli organi interni. Ma, sfortunatamente, non tutti si prendono cura della sua schiena su base continuativa. Di conseguenza, i medici spesso devono fare una diagnosi come protrusione e persino un'ernia. Queste malattie sono troppo gravi per essere ignorate, quindi a questo argomento dovrebbe essere prestata particolare attenzione.

Segni di malattia spinale

La condizione principale per superare qualsiasi problema di salute è la diagnosi tempestiva. Il segno principale che non tutto è in ordine esattamente con la colonna vertebrale è dolore alla schiena.

Una sensazione persistente o intermittente di grave disagio può provocare dolore. I sintomi in alcuni casi possono variare. Ad esempio, le persone con problemi nella zona del collo spesso soffrono di manifestazioni di "cottura" o la nevralgia acuta, e anche l'esperienza dolore, dolore spazmiruyutsya.

I problemi con la colonna vertebrale possono anche indicare una violazione della sensibilità della pelle della schiena, le gambe, coscia della gamba, glutei, le dita, estremità superiori e inferiori. In tali casi, il paziente sente freddo in aree problematiche, intorpidimento e paralisi parziale delle braccia e delle gambe.

Talvolta colonna vertebrale malattia simptomykotoryh solito compaiono nella parte posteriore a causa del fatto che la radice del nervo può essere disco parzialmente discriminato che ha spostato influire negativamente sul funzionamento di organi specifici.

rachide cervicale

Molte persone trascorrono la maggior parte del loro tempo seduti. Come mostra la pratica, la maggior parte di loro si sbaglia. Per questo ed altri motivi (ad esempio il trauma), migliaia di persone comuni sviluppano malattie del rachide cervicale. E una delle diagnosi più comuni è la protrusione.

Con un tale problema, il nucleo polposo del disco si estende oltre i suoi confini naturali. Questo può portare a lesioni nervose e altri problemi seri.

Molto spesso, le sporgenze dei dischi della colonna vertebrale cervicale sono una conseguenza dello sviluppo dell'osteocondrosi. Pertanto, non ignorare il disagio e il leggero dolore durante il movimento della testa. Al primo segno di problemi con la colonna cervicale, è necessario consultare immediatamente un medico e iniziare il trattamento. Eliminare la deformazione del tessuto è molto più facile che strappare il nucleo pulpare.

I principali segni di malattia

Un tale problema come la sporgenza dei dischi cervicali della colonna vertebrale può essere identificato da sintomi specifici. È necessario conoscerli, dal momento che il risultato e la rapidità del trattamento dipendono direttamente dal rinvio tempestivo di uno specialista.

Va notato che fino a quando la malattia è nella fase iniziale di sviluppo, non vi è alcun serio disagio al collo. Le eccezioni sono quelle situazioni in cui un disco leggermente spostato si appoggia alla radice nervosa.

Se l'arteria che va al cervello è schiacciata, la protrusione cervicale sarà avvertita attraverso i seguenti sintomi:

  • mal di testa, vertigini;
  • intorpidimento delle dita;
  • la diffusione del dolore negli arti superiori e inferiori;
  • salti forti nella pressione sanguigna;
  • quando il tempo peggiora, un dolore doloroso appare negli arti superiori.

Poiché nelle prime fasi della protrusione, è effettivamente impercettibile, è necessario recarsi da un medico per qualsiasi accenno di dolore alla cintura della spalla o alla base della testa. Solo in tempo per il trattamento iniziato può prevenire la comparsa di un'ernia.

Cos'è la sporgenza del disco dorsale pericolosa

Poiché lo spostamento del tessuto cartilagineo intervertebrale avviene gradualmente, il processo di protrusione può essere suddiviso in più fasi.

Dorsale è lo spostamento verso il canale spinale, in cui sporgono fino al 50% del disco intervertebrale. In tale posizione, vi è una notevole pressione sul midollo spinale, che causa un forte dolore. Le condizioni del paziente si deteriorano in modo significativo se il disco deformabile inizia a premere anche sulla radice del nervo.

Se si ha a che fare con un tale stadio di deformità come protrusione del disco dorsale, la diagnosi tempestiva diventa più importante che mai. Dopotutto, se perdi tempo e il problema peggiora, il chirurgo dovrà combattere l'ernia.

Diagnosi efficace

Al fine di identificare nel tempo la presenza di protrusione del rachide cervicale, è necessario scegliere i metodi più accurati per identificare la malattia.

È necessario iniziare con la tomografia computerizzata. È questo tipo di diagnosi che è in grado di portare la massima chiarezza sulle condizioni del retro del paziente.

Successivamente, il medico dovrebbe studiare attentamente i sintomi, prestando particolare attenzione al dolore nella regione cervicale, formicolio alle dita, nonché cambiamenti nelle tonalità della pelle.

Moderni metodi di trattamento

Nel trattamento della protrusione dei dischi cervicali della colonna vertebrale, è possibile fare a meno dell'intervento chirurgico, ma solo se la diagnosi non è stata ritardata.

Di norma, i medici prescrivono la fisioterapia, che sono progettati per stabilire processi metabolici nella regione cervicale. I pazienti sono anche spesso invitati a prendere vari farmaci per alleviare la sensazione di dolore.

Promuove un rapido recupero e una ridotta mobilità. Uno stile di vita più rilassato crea condizioni favorevoli per neutralizzare l'infiammazione dei dischi.

Un considerevole aiuto nel trattamento della protrusione può avere corsetti speciali, così come l'elettroforesi. Tali metodi di neutralizzazione della deformazione dei dischi, come il massaggio del rachide cervicale, la dieta terapeutica e la ginnastica, hanno anche dimostrato la loro efficacia.

Naturalmente, tutte queste tecniche di riparazione dovrebbero essere eseguite sotto la costante supervisione di un medico qualificato.

Prevenzione della protrusione

Chi non ha intenzione di avere problemi con i dischi intervertebrali in futuro, deve seguire le semplici istruzioni dei medici.

Prima di tutto, devi monitorare la tua postura. Se devi lavorare mentre sei seduto, è importante alzarti e allungare la schiena ogni 50 minuti usando esercizi speciali. È improbabile che la sporgenza dei dischi cervicali disturbi chi visita costantemente la piscina. Vale anche la pena proteggere la schiena dall'ipotermia e lottare con l'obesità, perché, secondo le statistiche, le persone obese devono affrontare la necessità di trattare la protrusione molto più spesso di quelle che si mantengono in forma.

Non sarà superfluo abbandonare il consumo frequente di cibi grassi e alcol, che contribuiscono allo sviluppo di cambiamenti degenerativi nei dischi della regione cervicale. Inoltre, non è mai necessario sollevare oggetti molto pesanti, soprattutto in modo brusco, poiché esiste il rischio di lesioni.

Tuttavia, esercitarsi in palestra può aiutare a proteggere la schiena dalle ferite. La cosa principale è calcolare correttamente il peso dei gusci e consultarsi costantemente con il trainer.

Le conseguenze dell'esecuzione della protrusione

Se per lungo tempo ignorare un tale problema come la deformazione del disco della regione cervicale, allora è logico aspettarsi l'apparizione di un'ernia.

Questo tipo di malattia spinale è molto più grave della protrusione. Infatti, un'ernia è una rottura dell'anello fibroso e, di conseguenza, un rigonfiamento del nucleo polposo. Tale diagnosi non può essere ignorata, altrimenti i tessuti cartilaginei intervertebrali si restringeranno sempre di più a causa di un carico irregolare, che può portare a spremere il midollo spinale.

Di conseguenza, una persona che soffre di un'ernia può diventare disabilitata. Con lo sviluppo di lesioni distrofiche del midollo spinale, debolezza e intorpidimento nell'area delle gambe o (nel caso della regione cervicale) inizia la paresi (paralisi) delle mani.

Sintomi indicativi di ernia

Come nel caso della protrusione, la sporgenza del nucleo pulpare del disco può passare inosservata all'inizio. Il dolore si avverte solo quando il nucleo del disco inizia a esercitare pressione sulle radici nervose.

E se l'ernia nella colonna cervicale raggiunge la sua condizione critica, cioè diventa grande e inizia a pizzicare le strutture del canale spinale, il paziente sperimenterà sintomi così vividi come rigidità nei movimenti della testa e del braccio, intorpidimento delle dita, vertigini, indebolimento dei muscoli della fascia superiore della spalla. il risultato potrebbe essere anche la paralisi degli arti superiori.

Come appare un'ernia tra le vertebre C5-C6 e C6-C7

Tale fenomeno, come la rottura dell'anello fibroso e la conseguente protrusione del nucleo polposo, nella maggior parte dei casi, appare nella regione lombare e nel collo. A questo proposito, l'ernia C5-C6 è particolarmente comune.

Vale la pena notare che, a seconda della posizione del problema, i sintomi possono essere diversi. Ad esempio, in caso di un'ernia tra le vertebre C6-C7, il paziente avrà difficoltà a piegarsi e ad infrangersi le dita. Inoltre, la cosiddetta finalità dell'arto inizierà a manifestarsi. Con una diagnosi simile, si sentiranno dolore e intorpidimento nella parte posteriore della spalla. Gli stessi sintomi possono essere trasmessi all'avambraccio e al dorso della mano.

Ma se si è sviluppata un'ernia del disco C5-C6, il lato del braccio nell'area del gomito inizia a intorpidirsi. Nello stesso punto si sentirà il dolore. Inoltre, una persona con una tale ernia ha un malessere e formicolio dell'indice e del pollice, con lo sviluppo concomitante di debolezza nei bicipiti.

Trattamento di ernia

Nella maggior parte dei casi, le persone che si trovano ad affrontare la distruzione del disco, i medici consigliano di limitare i loro movimenti e indossare un corsetto speciale, stabilizzando la posizione della regione cervicale. Dovrai anche prendere antidolorifici, farmaci anti-infiammatori e rilassanti per alleviare gli spasmi muscolari. Non fare a meno di visitare le sedute del massaggio terapeutico. Un ruolo importante nel processo di recupero è la ginnastica, finalizzata al rafforzamento dei muscoli.

Solo nel caso in cui la terapia non è in grado di dare il risultato desiderato, è l'operazione del rachide cervicale.

Ma questa non è l'opzione migliore, dal momento che alcuni tipi di operazioni si concentreranno sulla fusione delle vertebre, il che significa la perdita di mobilità. Ma anche nel caso in cui, dopo l'intervento chirurgico, la sezione cervicale mantenga la sua mobilità, rimane il rischio di recidiva dell'ernia. Inoltre, la chirurgia è un processo molto pericoloso, in quanto una radice nervosa può essere colpita.

È ovvio che le malattie che si sviluppano nella regione cervicale sono un problema serio che non può essere ignorato. Pertanto, è importante attuare misure preventive nel proprio stile di vita su base continuativa e, in caso di comparsa di sintomi sospetti senza indugio, fissare un appuntamento con un medico.

Qual è il rachide cervicale e le sue malattie?


Le patologie vertebrali possono avere sintomi diversi. Potrebbe essere:

  • nausea;
  • vomito;
  • dolore al collo e alla testa;
  • vertigini;
  • disturbi del coordinamento del movimento;
  • visione e udito offuscati.

Se una persona ha tali sintomi, allora la causa di questi fenomeni può essere una malattia della colonna vertebrale, più precisamente, della parte in cui si trova il collo. Questa area di tutte le parti della colonna vertebrale è considerata la più mobile. La colonna cervicale comprende 7 vertebre con una struttura speciale che consente di eseguire movimenti del collo e della testa. Quando una malattia inizia in una determinata area del corpo, si manifesta sotto forma di sintomi del dolore, un generale deterioramento della salute, deviazioni nel funzionamento del cervello, negli organi interni, nella visione e nel sistema muscolo-scheletrico. Che tipo di patologia ha colpito le vertebre cervicali, può solo rivelare una diagnosi completa.

Ci sono opzioni quando più patologie vengono trovate contemporaneamente nello stesso sito, i cui sintomi sono intrecciati. In ogni caso, prima inizia il trattamento della malattia, maggiori sono le possibilità di salvare la salute e prevenire l'invalidità.

Passerà o resterà in 2 settimane?


I sintomi del dolore nell'area della colonna cervicale possono manifestarsi in diversi modi:

  • sotto forma di dolore tirato;
  • impulsi di dolore improvviso;
  • attacchi.

Indicheranno notevolmente i problemi in quest'area. I sintomi di disagio o dolore non cominciano necessariamente a essere percepiti localizzati su un certo "cerotto": il dolore dalla colonna vertebrale cervicale è in grado di restituire e le mani. Se la regione cervicale è instabile, la circolazione sanguigna è disturbata. La medicina moderna considera il primo stato come una malattia suscettibile di trattamento con metodi semplici.

La lombalgia cervicale è considerata una malattia più pericolosa. La sua causa è l'irritazione del recettore del nervo cervicale. Con una tale lesione del rachide cervicale, qualsiasi movimento della testa causa forti dolori. In nessun caso puoi ignorare questo sintomo, sperando che tutto andrà via da solo.

La struttura del rachide cervicale

Nel corso del tempo, se non viene intrapresa alcuna azione, il dolore inizierà a intensificarsi e inizierà a irradiarsi nella colonna vertebrale toracica. Il sintomo di questa malattia sono movimenti rigidi delle articolazioni delle spalle. Per quanto tempo una persona ha uno stato lombare doloroso? Tutto dipende dalla presenza o dall'assenza di patologie nell'area del rachide cervicale. L'esacerbazione della malattia di solito dura non più di 10 giorni e ha la proprietà da ripetere a vari intervalli. Se una persona ha una curvatura della colonna vertebrale, porta anche con sé problemi nel funzionamento del collo. Una delle cause più comuni di disagio e dolore in questa zona del corpo è la lordosi.

Tuttavia, secondo gli esperti medici, il dolore nell'area del rachide cervicale può verificarsi a causa di cause meccaniche. Se ci atteniamo a questo punto di vista, il dolore e il disagio che durano diversi giorni non sono un segno di malattia e sono considerati uno stato completamente normale e non allarmante. Dopo questo periodo, passano, senza complicazioni. Quando, nell'area della colonna cervicale, i sintomi del dolore sono presenti per più di 2 settimane, allora c'è motivo di suonare l'allarme. Con questo punto di vista, puoi essere d'accordo o meno, ma devi ricordare: un'ernia del rachide cervicale, l'osteocondrosi e altre malattie possono dichiarare i loro sintomi di dolore allo sviluppo.

Se questi segni vengono ignorati e non viene intrapresa alcuna azione, ciò influenzerà negativamente lo stato della salute umana.

Ernia, osteocondrosi, tumore cerebrale o depressione?

Malattie che colpiscono la colonna vertebrale

L'osteocondrosi del rachide cervicale può essere giustamente considerata una malattia del secolo e il progresso scientifico e tecnologico. La malattia viola la struttura e il funzionamento della colonna vertebrale, influisce negativamente sul lavoro dei muscoli, è una fonte permanente di sintomi di dolore. Non meno comune fonte di dolore sono le lesioni che colpiscono il rachide cervicale. La loro presenza non significa che il paziente abbia necessariamente un livido in quest'area. Le cause di lesioni possono essere danni al midollo spinale, cancro, sovraccarico muscolare. Il dolore può indicare che il rachide cervicale è stato ferito. Ma possono essere di natura non permanente, che in alcuni casi rende difficile la pre-diagnosi della malattia. Quando la colonna cervicale è colpita da un'ernia, si verifica una sindrome da dolore pronunciato. L'attività riflessa è nettamente ridotta in questa parte del corpo. Quando un'ernia colpisce una parte della colonna vertebrale, colpisce i muscoli i cui tessuti diventano deboli.

Il danno al midollo spinale non è meno pericoloso per le condizioni del collo. Devi sapere: la malattia potrebbe non essere accompagnata da dolore. Uno dei suoi principali sintomi è il torpore degli arti. In questa malattia, il funzionamento degli organi pelvici è disturbato e si osservano forti spasmi muscolari nel collo. Se una persona ha un tumore al cervello, i sintomi del dolore possono interessare la colonna vertebrale cervicale, il che rende difficile determinare la causa alla radice del dolore. Un effetto simile è causato dalla meningite.

Le malattie del sistema nervoso influenzano anche le condizioni del collo. Non meno dannose per lei e condizioni stressanti tollerate dall'uomo. La depressione in alcuni casi è considerata una delle cause della malattia spinale.

Ciò è dovuto al fatto che le depressioni possono provocare dolore in varie aree di esso. Se il dolore colpisce il rachide cervicale, può essere dovuto a depressione o una manifestazione di sindrome da stanchezza cronica.

Influenza dell'età e dello stile di vita

Le malattie di varie parti della colonna vertebrale provocano vari fattori, tra i quali i cambiamenti di età non sono gli ultimi. Più una persona diventa anziana, più forti sono i cambiamenti degenerativi-distrofici che si verificano nel corpo. E qualsiasi parte della colonna vertebrale non fa eccezione.

I sintomi dei processi distruttivi sono difficili da notare all'inizio, ma poi si dichiarano dolore, funzioni motorie limitate, presenza di un processo infiammatorio che si sviluppa sullo sfondo di un'immunità indebolita.

Il prolasso degli elementi del disco vertebrale è una malattia degenerativa-distrofica, durante la quale i nervi sono compressi, causando forti sintomi di dolore. Tuttavia, la causa principale della malattia spesso non è l'invecchiamento naturale dell'organismo, ma il modo di vita che conduce una persona.

Perché l'ernia è più spesso uomo?

Risonanza magnetica del rachide cervicale

L'ernia cervicale è spesso percepita come una malattia maschile. Le statistiche mediche non negano, gli uomini ne sono stufi più spesso delle donne. I primi sintomi della malattia possono essere fuorvianti anche da specialisti altamente professionali, tanto è l'ernia cervicale simile all'osteocondrosi, che può svilupparsi in una determinata area del corpo contemporaneamente ad essa.

Solo una risonanza magnetica della colonna vertebrale può aiutare a differenziare le malattie e determinare la presenza o l'assenza di un'ernia cervicale. Entrambi questi disturbi non hanno solo sintomi comuni, ma anche cause profonde. Queste malattie derivano da una bassa attività fisica e da uno stile di vita sedentario. L'osteocondrosi cervicale e l'ernia causano predisposizione genetica e funzionano in condizioni climatiche avverse. Entrambe le malattie si verificano più spesso nelle persone che sono dipendenti da fumare e bere eccessivo.

Ecco perché il primo passo nella lotta contro le malattie che si verificano nella regione cervicale, è il rifiuto delle cattive abitudini, uno stile di vita attivo e sport. Per prevenire l'insorgenza o la progressione della malattia, è necessario riconsiderare la dieta e includere alimenti ricchi di calcio. Assicurati di monitorare la tua postura e mantenerla in buone condizioni. L'osservanza di routine di questa regola è un metodo abbastanza efficace per prevenire la malattia di qualsiasi parte della colonna vertebrale. Per evitare varie malattie, è necessario pianificare razionalmente le modalità di lavoro e di riposo.

Una corretta organizzazione della vita non è una panacea universale per la malattia, ma può rallentare i cambiamenti degenerativi-distrofici nel corpo, ridurre la gravità degli effetti dei disturbi.

Sintomi di osteocondrosi del rachide cervicale

La colonna vertebrale cervicale è molto suscettibile all'osteocondrosi. Questa malattia della schiena ha diversi tipi, tra i quali la prevalenza può essere distinta osteocondrosi cervicale. I sintomi dell'osteocondrosi del rachide cervicale possono essere definiti pronunciati. Tutti dovrebbero sapere su di loro, perché nessuno è immune dalla comparsa di questa malattia. Vale anche la pena di dire che l'osteocondrosi del collo sta rapidamente diventando più giovane. Ora non solo le persone anziane ne soffrono, ma anche di mezza età e persino adolescenti. Prima di tutto, denotiamo la definizione.

L'osteocondrosi cervicale è una malattia degenerativa del collo che colpisce la posizione delle vertebre. A causa dell'osteocondrosi progressiva, una persona inizia a provare dolore nell'area del fuoco. Questo non è l'unico sintomo che accompagna il decorso della malattia.

sintomatologia

Nota i principali sintomi nell'osteocondrosi cervicale:

  • Dolore nel tessuto interessato Può aumentare di notte quando una persona sta riposando. Il dolore è doloroso in natura. A seconda dello stadio della malattia, il dolore aumenta, portando lo sfondo psico-emotivo della persona a uno stato di squilibrio.
  • Vertigini e pre-incoscienza si verificano regolarmente nelle persone che soffrono di osteocondrosi.
  • I salti di pressione sanguigna sono causati da un insufficiente apporto di sangue a causa di vasospasmo del collo.
  • Mal di testa, debolezza e nausea. In alcuni casi, potrebbe anche essere il vomito. Ciò è dovuto a una diminuzione della pressione sanguigna.

I sintomi dell'osteocondrosi cervicale non appaiono immediatamente. Ciò si applica in particolare agli ultimi tre sintomi descritti sopra, poiché si manifestano solo nel secondo e nel terzo stadio della malattia. L'intero corso della malattia è accompagnato da dolore al collo. Può essere a malapena visibile e può raggiungere un potere insopportabile.

Al fine di diagnosticare correttamente, il neuropatologo prescriverà una serie di procedure diagnostiche al suo paziente. Prima di tutto, verrà eseguita la radiografia. Questo è necessario per determinare l'area della lesione con osteocondrosi e lo stadio della malattia.

Dopo aver stabilito la diagnosi, seguirà il regime di trattamento. Per fare questo, il medico chiederà le malattie croniche esistenti, le allergie e altre sfumature. I medicinali saranno selezionati in base alle risposte. Lungo il percorso possono essere prescritti fisioterapia, fisioterapia e massaggio. Questi metodi aggiuntivi completano perfettamente la terapia conservativa, rendendo l'effetto immediato e sostanziale.

Mal di testa con osteocondrosi

L'osteocondrosi cervicale promette al paziente un forte mal di testa. Non molti sanno perché questo sta accadendo. Prima di tutto, il mal di testa appare a causa della carenza di ossigeno della testa e del cervello. Sembrerebbe, come può la malattia della colonna vertebrale essere associata a malattia spinale. Tutto è molto semplice. Il fatto è che il processo infiammatorio tra le vertebre provoca irritazione delle terminazioni nervose. Questo, a sua volta, si riflette nel lavoro delle navi e delle arterie circostanti.

Parte del sistema circolatorio, che si trova nel collo, anche se non completamente, ma sta vivendo spasmi. Questo fenomeno influisce sul rendimento dei vasi sanguigni. Nelle arterie, la clearance del sangue è significativamente ridotta, quindi la testa e il cervello non ricevono più la quantità di sangue necessaria. A causa di una malattia prolungata, il cervello sta sperimentando sempre più la mancanza di ossigeno e, di conseguenza, provoca dolore al collo e alla testa stessa.

I sintomi dell'osteocondrosi cervico-toracica si basano sul dolore infinito, che può essere avvertito sia nel collo sia nella testa. I pazienti spesso dicono ai loro medici che non sono più in grado di sopportare un disagio così ossessivo e insopportabile, perciò chiedono allo specialista di scrivere una prescrizione per l'acquisto di un analgesico.

Per salvare una persona da un mal di testa, un analgesico non è sempre sufficiente. In alcuni casi eccezionali, il medico prescrive sostanze psicotrope, che sono l'unica salvezza dal dolore nella terza fase della malattia.

Dolore al rachide cervicale: cause, sintomi e prevenzione

Qualsiasi dolore è spiacevole. La testa, i denti o la colonna vertebrale fanno male al collo? Il dolore al collo o alla zona lombare ci priva della mobilità. Per ridurre le spiacevoli riprese, limitiamo la libertà del loro movimento.

Quando la regione cervicale fa male, non giriamo la testa, ma giriamo con il corpo, non rivolgiamo la nostra faccia all'interlocutore, ma restiamo a lui in un mezzo giro. Cosa causa dolore al rachide cervicale? Come prevenire i suoi sintomi e quali trattamenti hanno una risposta efficace al dolore?

Com'è il cervicale?

Per capire perché la colonna vertebrale cervicale fa male, è necessario presentare la sua struttura e il suo funzionamento. La colonna vertebrale umana è convenzionalmente divisa in quattro parti (collo, torace, schiena e sacro). La regione cervicale è la più in alto. Fornisce una posizione mobile della testa, quindi il segmento del collo ha la massima libertà di movimento.

La regione cervicale è curva, questo è il suo stato normale. La piega naturale protegge il cervello dai tremori durante il movimento (camminare, correre).

La regione cervicale è di sette vertebre. Ogni vertebra ha un corpo, un arco e processi. Il corpo della vertebra insieme all'arco forma un buco. Una serie di forami vertebrali forma un canale del midollo spinale.

Tra i corpi di due vertebre adiacenti è il tessuto cartilagineo (disco intervertebrale), impedisce l'attrito tra le vertebre. Il midollo spinale passa all'interno del canale spinale, le sue terminazioni nervose entrano nello spazio tra i processi. Inoltre lungo la spina dorsale è l'arteria che trasporta il sangue alle cellule cerebrali.

Le violazioni delle vertebre influenzano l'afflusso di sangue al cervello e l'interruzione della fornitura di impulsi nervosi dal cervello agli organi e ai tessuti.

Malattie cervicali

Le malattie della colonna cervicale si verificano quando non funziona correttamente. Disturbi nella colonna vertebrale si verificano a causa di cambiamenti nella composizione dei tessuti, distruzione delle vertebre, depositi di sale e punti di presa. Il dolore nella regione cervicale si forma nelle seguenti malattie:

  • Artrosi deformante: ammorbidimento dell'osso e del tessuto cartilagineo, abrasione delle vertebre dei dischi cervicali e intervertebrali, seguita da un cambiamento delle loro dimensioni.
  • Osteocondrosi: congestione del collo e perdita di sale, seguita dalla crescita dei processi salini - osteofiti.
  • Pinzatura neurologica: spremitura delle terminazioni nervose tra gli osteofiti.

I sintomi di menomazione si manifestano in disagio, mobilità limitata e dolore. Esaminiamo più in dettaglio come si forma la cattiva salute del rachide cervicale.

Artrosi deformante

Le malattie del collo con l'artrosi iniziano con l'esaurimento dei tessuti ossei e cartilaginei. Perdono la loro forza ed elasticità, la capacità di resistere al carico e feriti. Nella fase iniziale della malattia, quando i cambiamenti distruttivi stanno appena iniziando, i sintomi di una malattia del collo sono difficilmente evidenti o assenti del tutto.

I sintomi della malattia compaiono quando la cartilagine inizia a diluirsi e deformarsi. La mancanza di trattamento per la malattia porta all'abrasione della cartilagine e della disabilità.

osteocondrosi

Il prossimo fattore importante che forma le malattie della regione cervicale è l'insufficiente attività motoria. Gli ambienti liquidi del corpo umano contengono vari sali. Con una lunga permanenza nella stessa postura (seduti, leggendo, in piedi) c'è una stasi di liquidi che causa varie malattie. I sali si sciolgono nel precipitato fluido articolare, formando processi salini sulla superficie ossea - osteofiti.

La spina dorsale (regione cervicale) fa male, soprattutto durante i movimenti, il collo inizia a "scricchiolare", compaiono dolori nelle aree occipitale e frontale. Questi processi sono caratteristici non solo per il collo, ma anche per altre parti della colonna vertebrale. Pertanto, l'osteocondrosi del rachide cervicale è spesso accompagnata da cambiamenti nella regione delle vertebre toracica, sacrale e lombare.

Sintomi dell'inizio di osteochondrosis - l'apparizione di un "crunch" indolore caratteristico quando il collo è inclinato. Con l'ulteriore sviluppo della malattia, i depositi salini crescono, il dolore appare e la mobilità del collo è limitata. Se i processi distruttivi continuano, la colonna vertebrale fa male durante i movimenti e in posizione eretta.

Sintomi di neurologia

I processi salini spesso comprimono le terminazioni nervose nel forame intervertebrale. Il passaggio degli impulsi nervosi è compromesso, si verificano disturbi neurologici e malattie. La colonna vertebrale fa male nella zona del pizzicamento Sintomi che confermano la presenza di pizzicotti nelle vertebre della regione cervicale:

  • vertigini e mal di testa (a causa di insufficiente afflusso di sangue al cervello);
  • tinnito, visione offuscata, udito e salute dentale;
  • raucedine e russare;
  • trasferimento del dolore nelle braccia e nelle spalle, nella colonna vertebrale toracica;
  • sensazione di formicolio alle dita;
  • formicolio e dolore al cuore, simile a un attacco cardiaco.

Prevenzione e trattamento

Cosa fare quando la colonna vertebrale fa male al collo, soffrire o vedere un medico? Il collo e altre aree della colonna vertebrale forniscono la comunicazione tra il cervello, gli organi e i tessuti. Pertanto, quando compaiono segni di malattia, è necessario prescrivere un trattamento e una ginnastica terapeutica profilattica.

Il trattamento della malattia ha lo scopo di ripristinare la composizione chimica dei tessuti e la loro funzionalità. I sintomi dolorosi nell'area del collo sono significativamente ridotti dopo l'assunzione di farmaci contenenti condroitina, collagene e glucosamina.

La prevenzione delle malattie consiste nell'esercizio fisico e nel cambiamento degli stili di vita sedentari. La colonna vertebrale ei suoi tessuti ripristinano la loro funzionalità solo con un numero sufficiente di movimenti. Senza la ginnastica, solo i farmaci, è impossibile curare il dolore al rachide cervicale.

Le malattie della colonna vertebrale in generale e della regione cervicale in particolare derivano da un'alimentazione raffinata, sovrappeso, uso insufficiente di frutta e verdura fresca, alimenti viventi con vitamine e oligoelementi.

Trattamento del rachide cervicale

Le patologie del rachide cervicale, purtroppo, sono molto comuni oggi. Ogni giorno i neurologi vengono avvicinati da persone che lamentano dolori persistenti al collo e alla testa, un crunch, rigidità mattutina nelle articolazioni delle vertebre e restrizioni nei movimenti.

Le ragioni per questo potrebbero essere molte. Lo stile di vita sedentario della maggior parte degli impiegati, la necessità di impegnarsi in documentazione elettronica, malnutrizione, obesità, eccessivo sforzo fisico - tutto ciò porta allo sviluppo di cambiamenti distruttivi nelle vertebre e può provocare la comparsa di osteocondrosi, protrusioni e ernia intervertebrale. Pertanto, è necessario iniziare il trattamento del rachide cervicale il prima possibile. Un'assistenza medica tempestiva aiuterà ad evitare la disabilità e lo sviluppo di complicazioni pericolose.

Possibili complicanze delle anomalie cervicali:

  • cervicalgia (dolore persistente fastidioso nel collo, che si estende alla mano), intorpidimento e perdita di sensibilità delle dita;
  • compressione di processi ossei e frammenti di dischi intervertebrali di arterie che alimentano il cervello, che può portare a disturbi della circolazione cerebrale (ictus);
  • pizzicamento delle radici nervose, paralisi degli arti;
  • sciatica;
  • limitazioni nella mobilità della parte superiore del corpo, disabilità.

I principali sintomi di malattie del rachide cervicale

Molte persone hanno familiarità con i sintomi dell'osteocondrosi della colonna vertebrale, la protrusione del rachide cervicale, quando vi è una distruzione parziale dell'anello fibroso che contiene il nucleo polposo. I primi segni di osteocondrosi sono:

  • disagio al collo, insorto dopo una lunga permanenza nella stessa posizione, lavorando al computer;
  • mal di testa;
  • crunch al collo quando si gira la testa.

Inoltre, l'osteocondrosi può essere mascherata come altre malattie e disturbi: la sindrome delle arterie vertebrali risultante dal restringimento delle arterie della colonna vertebrale, sciatica, miosite, o anche attacchi di angina pectoris. Ma con l'aiuto di un esame dettagliato, è possibile trovare la vera causa della comparsa di alcuni sintomi di danno cartilagineo e dischi intervertebrali. Sulla base dei dati diagnostici ottenuti, viene elaborato uno schema di assistenza medica

Ernia intervertebrale - vista laterale e superiore.

Il trattamento tempestivo dell'osteocondrosi del rachide cervicale aiuterà ad evitare il passaggio della malattia allo stadio di protrusione. Se le misure terapeutiche non vengono seguite, i processi degenerativi progrediranno, portando all'immobilizzazione e alla perdita di elasticità dei dischi vertebrali. Poi c'è un assottigliamento dell'anello fibroso e una diminuzione dell'affidabilità della connessione delle vertebre insieme. Tutti questi sintomi possono essere aggravati dal restringimento del canale spinale, dall'indentazione del midollo spinale e delle fibre nervose. Sullo sfondo di questi sintomi si verificano spesso paralisi e completa immobilità.

Tutto ciò porta a edema tissutale, forte dolore alla fascia scapolare, testa e collo, intorpidimento degli arti superiori e sviluppo di ernia intervertebrale. Sullo sfondo del prolasso del disco, spesso si osservano picchi di pressione sanguigna. Il trattamento della protrusione della colonna cervicale richiede l'aiuto di uno specialista qualificato. Molti pazienti assumono i sintomi del prolasso e dell'osteocondrosi per esacerbazione di patologie croniche (angina pectoris, ipertensione) che hanno e non si affrettano a cercare aiuto medico, ma cercano di essere trattati con gli stessi farmaci.

A causa del fatto che il trattamento dell'osteocondrosi del rachide cervicale raramente inizia nella fase iniziale, il prolasso del disco è rapidamente complicato dall'ernia intervertebrale caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • dolore costante nella parte superiore del tronco;
  • emicranie persistenti;
  • perdita parziale o totale della sensibilità delle dita e delle mani;
  • crisi ipertensive;
  • l'incapacità di fare movimenti circolari del collo e per lungo tempo di stare in piedi;
  • l'aspetto del dolore quando si cambia la posizione del corpo e anche i piccoli giri della testa;
  • insonnia, disturbi nervosi;
  • ronzio nelle orecchie, deficit uditivo;
  • perdita di attenzione, disturbi della memoria.

Se lo stadio iniziale dell'osteocondrosi può spesso essere combattuto con metodi conservativi, il trattamento di un'ernia della colonna vertebrale del rachide cervicale richiede interventi più seri e spesso porta alla disabilità dei pazienti. Non perdere tempo alla ricerca di ricette popolari miracolose, ma piuttosto, quando compaiono i primi segni di malattia, cerca immediatamente assistenza medica qualificata.

Diagnosi di osteocondrosi e ernia intervertebrale

Se si sospetta osteocondrosi, i pazienti si rivolgono ai neurologi. All'esame, è difficile fare una diagnosi corretta, ma con l'aiuto di metodi diagnostici innovativi, è possibile ottenere tante informazioni sullo stato dei dischi intervertebrali e decidere sulle tattiche di trattamento.

Disco intervertebrale sano e danneggiato.

I principali metodi di diagnosi per le malattie del rachide cervicale:

  • Raggi X;
  • elettromiografia, elettroneurografia (consente di determinare il grado di danno e localizzazione delle fibre nervose danneggiate).

Principi di trattamento delle malattie del rachide cervicale

Le patologie spinali vengono eliminate utilizzando entrambi i metodi conservativi e utilizzando l'intervento chirurgico. Prima si inizia il trattamento del rachide cervicale, maggiori sono le probabilità che il paziente si riprenda e si liberi di tutti i sintomi spiacevoli della malattia.

Metodi conservativi per combattere l'osteocondrosi:

  • tecniche fisioterapiche (fonoforesi, UHF, laser terapia);
  • terapia farmacologica;
  • esercizio terapeutico;
  • terapia manuale.

Il trattamento conservativo del rachide cervicale è efficace nella fase iniziale dello sviluppo della malattia, quando non c'è protrusione erniaria e protrusione del disco. Esercizi speciali per combattere i cambiamenti distruttivi e il processo distruttivo aiutano a rafforzare il sistema muscolare, ridurre il dolore, aumentare la flessibilità dei legamenti e prevenire lo sviluppo di complicanze.

La ginnastica terapeutica aiuta a migliorare la nutrizione nelle aree lesionate della colonna vertebrale, aumenta lo spazio tra le vertebre e aumenta la stabilità delle strutture spinali allo sforzo fisico. Analgesici e fisioterapia sono utilizzati per alleviare il dolore e l'infiammazione. Le moderne tecniche di fisioterapia possono ridurre la durata del trattamento, ridurre il dosaggio dei farmaci ed eliminare il dolore, che nell'osteocondrosi dell'ultimo stadio e nel pizzicamento delle radici nervose può essere semplicemente insopportabile.

Un buon effetto terapeutico ha un massaggio e riflessologia. Allevia la tensione dai muscoli, aumenta la circolazione sanguigna nei tessuti, combatte il dolore e la rigidità. Il trattamento della protrusione della colonna cervicale richiede solitamente la trazione spinale. Grazie a un carico selezionato individualmente, è possibile aumentare la distanza tra le vertebre, alleviare il paziente dal dolore e dai sintomi di pizzicamento delle radici nervose. È vietato eseguire le procedure di trazione a casa, poiché possono portare a gravi lesioni spinali.

La terapia farmacologica prevede l'uso di:

  • riscaldamento locale e farmaci che distraggono;
  • Condroprotettore;
  • vitamine;
  • il mezzo per migliorare la microcircolazione del sangue.

Gli agenti non steroidei sono usati per alleviare il dolore e l'infiammazione (entro 7-10 giorni). Sono disponibili sotto forma di unguenti, gel, compresse e iniezioni. Questi farmaci con uso a lungo termine possono causare danni alla membrana mucosa del tratto gastrointestinale, quindi dovrebbero essere utilizzati solo dopo aver consultato un medico e corsi brevi.

Anestetici e preparati ormonali sono usati per i blocchi paravertebrali. La dose di farmaci è selezionata singolarmente. Distribuito in malattie del rachide cervicale e procedure distrattive locali, nonché l'uso di strumenti speciali che migliorano la microcircolazione del sangue, contribuiscono ad aumentare l'alimentazione nei tessuti colpiti. I condroprotettori sono assegnati per ripristinare le strutture cartilaginee.

I rilassanti muscolari sono usati per alleviare la tensione muscolare (mydocalm, sirdalud). In alcuni casi, l'uso di anticonvulsivanti (carbamazepina) e farmaci che normalizzano lo stato emotivo. Osteocondrosi attuale a lungo termine, soggetta a dolore persistente e tiro cervicale, cambia la psiche umana, rende il paziente irritabile e nervoso. Gli antidepressivi aiutano a correggere i disturbi nervosi, modificare gli atteggiamenti delle persone e aiutarli a credere nel successo del trattamento.

Durante la remissione, vengono utilizzati preparati vitaminici. Rafforzano il corpo, migliorano la conduttività degli impulsi nervosi, riducono la gravità dei sintomi: contribuiscono all'eliminazione di vertigini, nausea, emicrania, insonnia.

Il trattamento conservativo dell'ernia del rachide cervicale viene solitamente utilizzato per alleviare il dolore e prepararsi per la chirurgia. Ma la chirurgia è necessaria solo nel caso in cui le medicine e i metodi fisioterapici siano stati inefficaci. Dopo un esame approfondito e la preparazione per il trattamento chirurgico, il disco intervertebrale viene rimosso, la ricostruzione delle aree danneggiate, la sostituzione del disco con un impianto, la vaporizzazione della puntura dei tessuti distrutti. Alla presenza di uno specialista altamente qualificato, tali operazioni si svolgono senza complicazioni e la corretta tattica del comportamento del personale medico durante il periodo di riabilitazione consente al paziente di adattarsi completamente a una vita indipendente in futuro.

Consigli utili

  1. Non aspettare che la malattia si avveri e prenditi cura della prevenzione dell'osteocondrosi in anticipo, organizzando correttamente il posto di lavoro. Mentre lavori al computer, mantieni la postura, non inclinare la testa in avanti, fare pause spesso, cambiare la posizione del corpo e flettere i muscoli della cintura e del collo della spalla.
  2. Non risparmiare denaro per l'acquisto di materassi e cuscini di alta qualità per dormire. Durante il riposo, le vertebre e i muscoli circostanti dovrebbero essere il più rilassati possibile. Oggi, tutti possono permettersi di acquistare un materasso ortopedico, che crea un supporto ottimale per la colonna vertebrale durante il sonno, proteggendo le aree più vulnerabili. E il cuscino, che prende le curve del collo e della cintura della spalla, ti farà dormire per tutta la notte.
  3. Guarda la tua postura e indossa solo scarpe comode. Evitare carichi statici prolungati.
  4. Allenati e lavora regolarmente con le articolazioni con esercizi leggeri, nuoto, aerobica e jogging.
  5. Mangia bene, rinuncia alle bevande forti, al fumo e ai cibi eccessivamente grassi. I piatti naturali supportano la salute della cartilagine, dei vasi sanguigni e delle strutture ossee.
  6. Preferisci la ricreazione attiva. Le condizioni della colonna vertebrale sono ben influenzate da procedure idriche, ginnastica, danze, giochi educativi. Gli sport aiutano a mantenere una buona forma, contribuiscono al miglioramento dei processi metabolici.
  7. Cerca di seguire il peso. I chili in più hanno un carico aggiuntivo sulle articolazioni e sulle vertebre.

L'osteocondrosi spinale oggi viene diagnosticata in quasi ogni seconda persona che ha raggiunto i 30 anni di età. E questa malattia è in parte - una sorta di resa dei conti del genere umano per camminare eretto. È impossibile evitare cambiamenti distruttivi nella colonna vertebrale, ma è piuttosto realistico posticipare il loro sviluppo a un'età più matura. E questo può essere fatto solo dalla persona stessa, prestando attenzione alla dieta, moderato sforzo fisico, mantenendo una postura corretta e proteggendo la colonna vertebrale da lesioni e distruzione.

Osteocondrosi del rachide cervicale: sintomi, cause, 1, 2, 3, 4 gradi e trattamento (+ rimedi popolari)

L'osteocondrosi del rachide cervicale è una condizione patologica in cui si verificano alterazioni degenerative nel tessuto osseo e cartilagineo.

La distrofia dei dischi intervertebrali può svilupparsi dopo 30 anni, mentre all'età di 40-45 anni si osserva secchezza e compattazione.

Nella colonna spinale ci sono 7 vertebre cervicali composte da corpo, processi e arco osseo; al centro della vertebra c'è un foro in cui si trova il midollo spinale. I singoli elementi della colonna vertebrale sono interconnessi per mezzo di dischi intervertebrali formati dal nucleo, l'anello fibroso e lo strato - la piastra ialina (cartilagine).

Le vertebre cervicali, avendo lo spessore più piccolo dei dischi, si uniscono strettamente l'una all'altra; i muscoli del collo sono piuttosto debolmente sviluppati, a causa dei quali, con carichi regolari, può verificarsi uno spostamento dei dischi durante il quale i vasi e i tronchi nervosi vengono compressi.

Cause dell'osteocondrosi cervicale

Con l'età, il nucleo del disco intervertebrale perde le riserve di umidità e diventa anche meno elastico. Poiché il metabolismo rallenta significativamente dopo 50 anni, i processi di rigenerazione nei dischi con scarsa disponibilità di sangue si fermano.

In giovane età, l'ipodynamia svolge un ruolo importante nella comparsa di osteocondrosi nella regione cervicale, in uno stile di vita passivo, nella mancanza di un'attività fisica adeguatamente organizzata.

I fattori che contribuiscono ai disturbi circolatori nelle vertebre cervicali e nello spazio intervertebrale sono:

  • macchina di guida lunga;
  • lavoro al computer, seduta prolungata in qualsiasi posizione;
  • sollevamento pesi regolare;
  • condizioni di lavoro che comportano movimenti improvvisi, giri del collo;
  • violazione della postura;
  • movimento del disco come conseguenza dell'allenamento sportivo;
  • eccesso di peso, che porta ad un carico elevato sui dischi intervertebrali e interruzione del funzionamento della colonna vertebrale cervico-toracica;
  • abuso di alcool, fumo, dieta malsana (a causa di effetti avversi sui processi metabolici);
  • lo stress;
  • collo dell'ipotermia (per esempio, in assenza di una sciarpa nel periodo freddo);
  • dormire su cuscini alti o troppo morbidi;
  • ereditarietà (malattia spinale nella storia familiare).

Tipi di malattia

L'osteocondrosi del rachide cervicale può esistere come una malattia indipendente (dancartro cervicale), oltre ad essere uno dei componenti di una lesione articolare e spinale generalizzata (polioarticolato).

Un tipo di osteocondrosi cervicale è la discosi: penetrazione del disco intervertebrale nel canale spinale.

Se l'osteocondrosi viene diagnosticata in tutte le parti della colonna vertebrale (cervicale, toracica, lombare), si verifica l'osteocondrosi polisegmentale. Osteocondrosi giovanile isolata separatamente (giovanile) del rachide cervicale - una malattia della colonna vertebrale che si sviluppa negli adolescenti a causa di disturbi metabolici o lesioni sportive.

Sintomi e segni di osteocondrosi cervicale

Come risultato dello sviluppo della malattia, si osserva la sindrome radicolare: i sintomi dell'osteocondrosi dipendono da quale vertebra, i suoi processi (radici) e terminazioni nervose subiscono cambiamenti degenerativi.

In caso di violazione delle vertebre, che si trova più vicino alla giunzione con il cranio, vi è una diminuzione della sensibilità e del dolore nella parte posteriore della testa e del vertice.

L'osteocondrosi intervertebrale delle vertebre 3 e 4 porta a intorpidimento della lingua, problemi con la parola. I segmenti inferiori colpiti del rachide cervicale possono causare dolore alla clavicola, alle spalle e al disagio nella regione del cuore. Spesso il dolore si irradia alla scapola, braccio; la perdita di sensibilità di queste aree del corpo può anche essere dovuta a osteocondrosi cervicale.

Il funzionamento alterato della vertebra inferiore del collo comporta intorpidimento dei mignoli, così come le aree delle braccia nella zona del gomito.

I sintomi comuni dell'osteocondrosi del collo possono includere:

  • vertigini, dolori emicranici nella testa (acuta), e anche opaco, premendo sensazioni dolorose nel collo (cervicalgia), che può aumentare con il movimento della testa;
  • lombalgia (dolore acuto che si diffonde alla schiena o al braccio);
  • bruciando nella parte posteriore, cuore;
  • torcicollo, mani (specialmente le mani);
  • diminuzione della mobilità e intorpidimento del collo al mattino;
  • sensazione di pulsazione nella nuca;
  • oscurità temporanea negli occhi, rumore nel canale uditivo, a volte svenimento;
  • ispessimento della pelle nella colonna vertebrale a causa della proliferazione del tessuto connettivo.

Il grado di sviluppo dell'osteocondrosi

La malattia nel suo sviluppo attraversa diverse fasi, durante le quali la colonna vertebrale subisce cambiamenti patologici:

  1. Primo grado (stadio iniziale o preclinico dell'osteocondrosi). C'è una perdita parziale di umidità ed elasticità del nucleo del disco intervertebrale, la sua compattazione. Il dolore e il disagio sono generalmente assenti. Si può notare una rapida stanchezza dei muscoli del collo dopo uno sforzo prolungato.
  2. Secondo grado (aumento delle modifiche). L'altezza del disco diminuisce, piccole crepe possono comparire sulla superficie delle piastre ialine. Il dolore nella colonna vertebrale cervicale diventa pronunciato, aggravato dopo una lunga permanenza in posizione seduta, specialmente con la testa in giù.
  3. Il terzo grado (stadio avanzato). Il canale spinale si restringe, le placche ialine sono in gran parte consumate. La natura del dolore - dolorante, bruciante, prolungata. Spesso in questa fase comincia a formarsi un'ernia intervertebrale.
  4. Il quarto grado (fase compensatoria o di recupero). La crescita ossea osteofita si verifica e le vertebre possono crescere insieme, causando la perdita di mobilità del collo.

Quali potrebbero essere le conseguenze?

I processi distrofici con crescite ossee osteofite causano una diminuzione del lume del canale intervertebrale, così come l'irritazione e la tensione di risposta dei muscoli del collo. Se gli osteofiti raggiungono l'arteria vertebrale, si osserva una violazione della circolazione cerebrale. Successivamente, vi è una compressione dei nervi del rachide cervicale, che spesso porta a un movimento nella direzione laterale. Con una diminuzione dell'elasticità e del volume della cartilagine del disco, la protrusione può svilupparsi - una sporgenza della placca nella direzione del canale spinale e anche un'ernia - l'uscita del disco intervertebrale direttamente nel canale.

Le conseguenze dello sviluppo dell'osteocondrosi cervicale possono essere piuttosto gravi per le persone con più di 50 anni, specialmente in presenza di malattie concomitanti (ipertensione, aterosclerosi, aritmia).

Oltre alle complicanze del sistema circolatorio, l'osteocondrosi può portare a mielopatia (alterazione del funzionamento del midollo spinale), sindrome ipotalamica, distonia neurocircolatoria, ridotta acuità visiva e uditiva, deficit di deglutizione, nevrastenia, perdita di coscienza, paresi, paralisi.

diagnostica

La diagnosi si basa sui segni caratteristici della malattia, così come i reclami del paziente. Esame radiografico obbligatorio della colonna vertebrale in diverse proiezioni o diagnostica MRI.

Per le sindromi cerebrali, viene eseguito un esame del cervello (REG, duplex vascolare) e si raccomanda un consulto con un neurologo.

Primo soccorso per esacerbazione

Quando si verifica un attacco di dolore acuto, è necessario prendere un anestetico (aspirina, paracetamolo, baralina).

Se questi farmaci non hanno l'effetto desiderato, è possibile utilizzare farmaci anti-infiammatori non steroidei (chetoni, ketoprofene, nise, ibuklin). Per prevenire effetti negativi sullo stomaco e sull'intestino, si raccomanda di assumere questi farmaci dopo i pasti e, per le persone che soffrono di disturbi allo stomaco, 30 minuti prima di assumere il medicinale, bere 1 capsula di omeprazolo.

Inoltre, puoi applicare alla zona del collo un unguento o una crema con i FANS. Anche gli unguenti riscaldanti, che vengono strofinati sulla pelle del collo attorno alla colonna vertebrale, hanno un effetto positivo. Nella fase acuta dell'osteocondrosi è vietato svolgere esercizi sportivi e terapeutici.

Trattamento dell'osteocondrosi del rachide cervicale

Nel trattamento della malattia, è estremamente importante utilizzare una serie di misure per alleviare le condizioni del paziente e, se possibile, ripristinare le funzioni perse dei muscoli e della colonna vertebrale.Il trattamento medico dell'osteocondrosi può includere:

  • Antidolorifici per alleviare il dolore acuto: sedalgin, analgin, ma rumoroso con novocaina - sotto forma di iniezione intramuscolare o endovenosa o somministrazione orale.
  • I corticosteroidi sono usati per il dolore intenso in combinazione con analgesici (idrocortisone, prednisone, dexazone).
  • Blocco di Novocainic e lidocaina - somministrazione sottocutanea o intramuscolare del farmaco in diversi punti attorno alle vertebre cervicali.
  • In rari casi vengono prescritti analgesici oppioidi (tramadolo, fenadone).
  • I decongestionanti sono usati per marcato edema della zona interessata (lasix, indapamide).
  • FANS per ridurre l'infiammazione (voltaren, xefocam, dolak, ortofen, arthrosilen, movalis, celebrex, nise) nel corso di 5-10 iniezioni o sotto forma di compresse (fino a 15 giorni).
  • Rilassanti muscolari (sirdalud, miolastan) per migliorare il tono muscolare e alleviare i loro spasmi.
  • Preparati per migliorare la circolazione sanguigna e vasodilatatori (aminofillina, trental, carillon, actovegin, theonicol) - per via intramuscolare o endovenosa.
  • Hondoprotectors per il ripristino della cartilagine ialina (arthra, rumalon, alflutop). Applicare al di fuori della fase acuta della malattia.
  • Farmaci per ridurre l'eccitabilità dell'apparato vestibolare al fine di eliminare vertigini (betaserk).
  • Rimedi erboristici per ammorbidire le aree di necrosi tissutale nel disco intervertebrale e come stimolanti circolatori (caripazim, estratto di aloe).
  • Sedativi e tranquillanti per alleviare i disturbi neurologici e l'ansia del paziente (valeriana, motherwort, Relanium).
  • Vitamine del gruppo B sotto forma di iniezioni, così come vitamine P, E, A, acido ascorbico.
  • Trattamento esterno: comprime o applicazioni con una soluzione di Dimexidum con novocaina o idrocortisone, unguento con FANS, creme con lidocaina, veleno di serpente o ape, gesso al pepe, fonoforesi con unguento a base di ossido di vetro.

Il trattamento non farmacologico è prescritto in qualsiasi stadio dell'osteocondrosi del rachide cervicale e può consistere in:

  1. Indossa il colletto di Shantz.
  2. Esercitare la terapia. Il complesso delle professioni viene selezionato in base alle condizioni del paziente e allo stadio dello sviluppo della malattia.
  3. Trazione spinale (allungamento dell'hardware). Viene eseguito per aumentare lo spazio tra le vertebre e per alleviare il dolore.
  4. Terapia manuale Correzione delle malattie spinali con metodo manuale.
  5. Massaggi. Impatto sulla zona interessata con l'aiuto di pressione, ictus, pressione, a seguito del quale migliora la circolazione sanguigna locale.
  6. Agopuntura. Alleviare l'infiammazione e ridurre il dolore con gli aghi.
  7. Metodi fisioterapeutici - terapia magnetica e laser, UHF. Usato anche con metodi medici.

In alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico; il più delle volte l'operazione viene eseguita con dischi intervertebrali erniati.

Stile di vita

Quando si verifica una malattia, è necessario modificare il proprio stile di vita, abbandonare le cattive abitudini e anche esercitare ogni giorno, il che influisce favorevolmente sui tessuti della colonna vertebrale.

cibo

Non sono previste rigorose restrizioni nella dieta con osteocondrosi.

La regola principale è consumare meno sale, carne affumicata e cibo piccante. È necessario fornire completamente il tessuto cartilagineo con sostanze in grado di ripristinarne la sintesi (aspic da carne e brodi di pesce, piatti con aggiunta di gelatina). Invece di pane bianco, si consiglia di mangiare crusca o grigio. Circa un terzo della dieta è costituito da proteine ​​(pesce, carne, latticini, legumi, uova, pesce).

Verdura e frutta vengono consumati quotidianamente, soprattutto spesso - cavoli, verdure, carote, agrumi, mele. Il menu include anche semi, noci, frutta secca.

ginnastica

Esercizi di base per i muscoli e la colonna vertebrale del collo dell'utero (vengono eseguite 6-7 ripetizioni):

  • allungando il collo verso l'alto (2-3 minuti);
  • la leggera testa si inclina a destra ea sinistra;
  • curve lente e profonde in entrambe le direzioni;
  • la testa gira con il mento fino al collo;
  • mettere una mano sulla fronte, cercando di resistere agli sforzi dei muscoli del collo; ripetere allo stesso modo facendo clic sulle tempie a turno.

Auto-massaggio

I movimenti delle braccia sono diretti dall'alto verso il basso, cioè dalla nuca alla schiena e alle spalle. Il massaggio viene eseguito in posizione seduta, mentre il collo si trova in una posizione strettamente verticale. Sarà sufficiente eseguire movimenti lisci o circolari sulla pelle del lato esterno del collo e delle spalle, lubrificandolo con olio per massaggi o crema riscaldante per 5-7 minuti al giorno.

Trattamento con metodi popolari

I metodi della medicina tradizionale sono ampiamente usati per il trattamento dell'osteocondrosi del collo, mentre la più efficace sarà la combinazione di questi con quelli tradizionali:

  1. Per alleviare il gonfiore e l'infiammazione, utilizzare la seguente composizione: mescolare la polvere di senape (100 g) con 100 ml. kerosene e 200 grammi di sale. Dopo completa miscelazione, applicare il prodotto sulla pelle nella colonna vertebrale e dopo 15 minuti, risciacquare.
  2. Creare un effetto termico e ridurre il dolore aiuterà la maschera di argilla blu e sale. Le proporzioni uguali di entrambi i componenti dovrebbero essere leggermente diluite con acqua, dopo di che dovrebbe essere abbondantemente lubrificata con un collo e avvolta con un film e un panno caldo. Dopo 2 ore, puoi lavare la maschera con acqua tiepida.
  3. Per il massaggio, è possibile utilizzare miele fresco anziché crema. Avendo ben impastato l'area delle spalle e del collo, l'area del paziente viene avvolta con un asciugamano e tenuta per 1 ora, quindi lavata via.
  4. È possibile strofinare questa infusione nell'area di dolore severo: fiori di dente di leone (50 pezzi), versa la vodka (0.5 l.), Insista 1 mese.
  5. Rimuovere bene gonfiore e infiammazione, nonché contribuire a migliorare le compresse locali di circolazione del sangue di succo di aloe (70 ml.), Vodka (200 ml.) E 120 g di miele. Dopo aver mescolato il prodotto, puoi lasciarlo sul collo e sulle spalle sotto il film per tutta la notte.
  6. In estate, per il trattamento dell'osteocondrosi, puoi applicare questa ricetta: le foglie di rafano si scaldano un po 'nelle mani e poi si attaccano al collo con un taglio di stoffa. È necessario mantenere il corpo tanto quanto la pelle può tollerare, ma non meno di un'ora.
  7. Twist in un tritacarne 2 limoni, 100 g di aglio, quindi aggiungere 1,5 litri di acqua bollente. Prendi il farmaco all'interno per 0,5 m. al giorno Questo metodo aiuterà a far fronte ai depositi di sale, migliora la circolazione sanguigna e le condizioni muscolari.
  8. Preparare 20 g di radici di valeriana e foglie di farfara da 0,3 l. acqua, insistere un po 'di tempo, e poi prendere 3 volte al giorno per 100 ml. L'effetto antinfiammatorio e lenitivo delle erbe aiuterà a far fronte al dolore, alla nevrosi.
  9. Per migliorare le condizioni generali, si consiglia di consumare infusioni giornaliere di erbe di melissa, erba di San Giovanni, achillea, biancospino e rosa canina, infusione di funghi chaga.

Prevenzione dell'osteocondrosi del collo

Per prevenire lo sviluppo della malattia, devi seguire semplici regole:

  • Evita il collo dell'ipotermia, nel periodo freddo dell'anno per indossare sciarpe o vestiti con colletti caldi. Copricapo in questo momento - un attributo obbligatorio del guardaroba.
  • Per monitorare la postura della colonna vertebrale, essere in qualsiasi posizione.
  • Dormi solo su cuscini ortopedici.
  • Per escludere lesioni del collo e della testa, con cautela eseguire esercizi fisici complessi.
  • Evita il sollevamento pesi.
  • Quando si lavora al computer, guidando una ruota, è necessario eseguire un riscaldamento del collo ogni 2 ore; in caso di grave affaticamento, si può eseguire l'automassaggio dei muscoli del collo e delle spalle.
  • Evita brusche curve della testa, cadute all'indietro, ecc.
  • La lettura è consigliata solo con una testa posizionata verticalmente, senza inclinarla.

Dopo il trattamento o l'intervento chirurgico è stato completato, è necessario limitare i movimenti del collo, non guidare, indossare speciali corsetti di supporto, eliminare le cattive abitudini e seguire le istruzioni del medico per rafforzare la sezione cervicale (fisioterapia, ginnastica, nuoto, sauna, ecc.).

Ernia del rachide cervicale: sintomi e trattamento della malattia

L'ernia intervertebrale del rachide cervicale è una rottura della cartilagine o dell'anello fibroso, che si verifica a causa del carico non allocato sulle vertebre.

Spesso la causa di intorpidimento delle mani e dolore al collo è un'ernia del rachide cervicale. Questa malattia appartiene alla categoria dei disturbi più comuni associati al lavoro della colonna vertebrale. Il più delle volte, un'ernia del rachide cervicale è osservata nelle persone di 30-50 anni. La ragione può essere qualsiasi malattia della colonna vertebrale o le conseguenze del trauma. Con la frequenza della formazione di ernia, la regione cervicale è inferiore al palmo della superiorità solo per la colonna lombare.

I primi sintomi si manifestano spontaneamente e si manifestano sotto forma di dolore acuto nell'area del collo e delle spalle, mentre sullo sfondo può esserci una diminuzione della mobilità della regione cervicale, accompagnata da dolore acuto quando si gira la testa, intorpidimento delle dita, mal di testa.

La struttura del rachide cervicale è rappresentata da sette vertebre, che sono comunemente indicate in medicina come la lettera "C". Tra le vertebre c'è un disco intervertebrale, che, sotto l'azione di un'ernia, sporge, schiacciando le terminazioni nervose che si estendono dal midollo spinale. La localizzazione del dolore è determinata in base al nervo bloccato. Molto spesso le ernie compaiono tra la sesta e la quinta vertebra (C6-C5), e anche tra la settima e la sesta (C7-C6). Meno comunemente, compare un'ernia tra la quarta e la quinta vertebra (C4-C5) e molto raramente tra le vertebre C7-T1.

sintomi

La natura del dolore e la sua localizzazione sono determinati dalla posizione dell'ernia intervertebrale e dal bloccaggio della terminazione nervosa:

  • L'ernia intervertebrale C4-C5 durante il bloccaggio della quinta radice nervosa è caratterizzata da dolore e debolezza nella regione dell'avambraccio e del muscolo deltoide. Il formicolio e l'intorpidimento delle mani, di regola, non sono osservati. C'è la probabilità di dolore quando si alzano le mani, specialmente dopo aver attraversato la linea orizzontale;
  • L'ernia intervertebrale C5-C6 con il bloccaggio della sesta terminazione nervosa è caratterizzata da dolore nell'area della parte esterna del gomito e del bicipite, accompagnata da formicolio e intorpidimento nella zona del pollice;
  • L'ernia intervertebrale C6-C7 durante il bloccaggio della settima radice nervosa è caratterizzata da dolore nell'area del pollice e del tricipite, contro il quale spesso c'è intorpidimento del dito medio e della parte esterna dell'avambraccio. A volte può esserci la sensazione di gattonare la pelle d'oca;
  • L'ernia intervertebrale C7-T1 con il pizzicamento dell'ottava radice nervosa è caratterizzata da debolezza nella mano, formicolio o intorpidimento nella zona del mignolo.

Va notato che i sintomi di cui sopra sono osservati solo nel caso di un tipico sviluppo della malattia. In alcuni casi, le differenze sono possibili, in gran parte determinate dalle caratteristiche fisiche individuali e dalla struttura del corpo. Per una diagnosi più dettagliata e accurata si dovrebbe ricorrere a ulteriori ricerche.

diagnostica

Metodi affidabili per lo studio dell'ernia intervertebrale sono apparsi relativamente di recente. Ad oggi, la più efficace è la diagnosi mediante risonanza magnetica, che consente di determinare la dimensione, la localizzazione, lo stadio di sviluppo dell'ernia intervertebrale, inoltre, questo studio consente di escludere altre patologie.

Di solito, le basi per condurre uno studio diagnostico sono i reclami del paziente. Nell'ernia intervertebrale, è comune usare la risonanza magnetica, tuttavia, in alcuni casi, la TC può essere eseguita usando mezzi di contrasto.

La risonanza magnetica (MRI) è un metodo diagnostico innovativo, ma i suoi vantaggi, rispetto ad altri metodi di ricerca, sono più alti, specialmente nella diagnosi di ernia intervertebrale. Il metodo MRI consente di determinare con maggiore precisione i parametri di un'ernia, le sue dimensioni e la sua localizzazione. Il metodo è praticamente innocuo. L'uso della tomografia computerizzata (TC) nello studio dell'ernia intervertebrale non è considerato giustificato a causa del trauma associato all'introduzione dei contrasti. Nella diagnosi del rachide cervicale è necessario identificare la presenza di altre patologie che contribuiscono all'aggravamento della malattia.

trattamento

Nel trattamento dell'ernia intervertebrale, il fattore più importante per una prognosi positiva è il momento di iniziare il trattamento. Se nella fase iniziale è ancora possibile liberarsi della malattia con l'aiuto di trattamenti farmacologici e metodi di terapia manuale, in caso di abbandono della malattia l'unica via d'uscita è la chirurgia. Le tecniche di manipolazione della medicina rendono possibile non solo fermare lo sviluppo della malattia, ma anche eliminare la sindrome del dolore e le possibili manifestazioni di complicanze.

Sfortunatamente, la medicina moderna è quasi indifesa nel trattamento conservativo dell'ernia intervertebrale. Le sue capacità sono limitate dall'uso di antidolorifici e chirurgia per rimuovere un disco intervertebrale danneggiato. Tuttavia, ci sono una serie di tecniche che possono ampliare in modo significativo la gamma di trattamenti conservativi. Con il loro aiuto, non solo puoi eliminare il dolore, ma anche eliminare la possibilità di esacerbare la malattia in futuro.

Prendendo i metodi della medicina tradizionale, ogni paziente dovrebbe capire che gli antidolorifici e la chirurgia per rimuovere un disco danneggiato sono solo una misura temporanea, poiché non eliminano il problema stesso. Anche dopo l'operazione, non puoi vivere in pace, perché prima o poi dovrà essere ripetuto.

Prima di accettare l'operazione, è necessario seguire un ciclo di trattamento conservativo e solo se non si raggiunge un risultato positivo, considerare la possibilità di un intervento chirurgico.

L'obiettivo principale del trattamento non chirurgico è quello di rimuovere il dolore primario che fornisce il massimo disagio, interrompere la progressione della malattia, così come nel trattamento dei disturbi spinali associati.

Per consolidare i risultati raggiunti al termine del trattamento, viene mostrato un allenamento fisico terapeutico. Di solito, il corso di riabilitazione del trattamento dell'ernia intervertebrale del rachide cervicale va dai 30 ai 90 giorni. Durante questo tempo, il gonfiore della radice nervosa viene ridotto, il tessuto nervoso viene ripristinato e la condizione generale è stabilizzata. Il trattamento delle ernie durante il periodo di esacerbazione deve essere eseguito utilizzando tecniche a bassa velocità morbide.

Durante il corso del trattamento, viene mostrata la tecnica di raccolta delle erbe medicinali, che contribuisce al miglioramento della circolazione sanguigna, la rimozione dello spasmo riflesso dei tessuti, accelerando il recupero della cartilagine e del tessuto osseo. Le fitopreparazioni nel trattamento dell'ernia intervertebrale della colonna cervicale sono utilizzate come un buon tonico.

Durante il corso del trattamento dell'ernia del collo intervertebrale sono controindicati: