Principale

Gotta

Come viene diagnosticata l'artrosi?

Indagine ed esame del paziente

La maggior parte dei pazienti lamenta dolore, cambiamenti infiammatori, ispessimento e deformazione delle articolazioni, difficoltà di movimento. Le difficoltà nella diagnosi di artrosi di solito si verificano all'inizio e durante la fase attiva della malattia, quando i sintomi sono molto simili ai segni di altre malattie delle articolazioni, in particolare i reumatismi. La diagnosi è chiarita con l'aiuto di studi immunologici di laboratorio. Inoltre, i segni oggettivi di infiammazione delle articolazioni aiutano a fare una diagnosi accurata. In alcuni casi, è necessario differenziare l'artrosi con danno articolare nelle malattie endocrine (diabete, acromegalia, disfunzione della tiroide e ghiandole paratiroidi, ecc.), Disordini metabolici, emofilia e alcune altre condizioni patologiche. In questi casi, un sondaggio completo.

Quali sono le opzioni diagnostiche per le malattie delle articolazioni?

Metodi tecnici di esame delle articolazioni

Esame a raggi X.

I raggi X sono stati usati per oltre 100 anni. Grazie alle nuove capacità tecniche e allo sviluppo di dispositivi di protezione, è diventato sicuro. L'immagine a raggi X mostra la condizione dell'articolazione. La struttura della cartilagine è tale che non è visibile nella foto, ma è possibile studiare bene la struttura delle ossa, la posizione delle superfici articolari e gli spazi vuoti, che sono usati per giudicare lo spessore delle sezioni cartilaginee delle ossa. Se la distanza tra le superfici articolari delle ossa è normale, l'artrosi può essere esclusa.

Nell'artrosi, il gap articolare è significativamente ridotto, che è associato ai carichi sopra sulle ossa dell'articolazione. A stadi abbastanza ritardati di artrosi, le ossa diventano più sottili e ispessite, e i denti specifici appaiono sui bordi delle articolazioni (osteofiti). In connessione con questo, il comune cresce di dimensioni. Questi denti ("spine"), a loro volta, aumentano il dolore alle articolazioni durante il movimento.

L'esame a raggi X permette di chiarire una serie di altre possibili malattie: processo infiammatorio, osteoporosi, tumori. Una serie di radiografie consecutive consente di giudicare il decorso della malattia, la fattibilità di alcuni metodi di trattamento. In caso di cambiamenti marcati e della rapida progressione del processo, la questione di un eventuale intervento chirurgico è già in discussione. Molto probabilmente, la radiografia sarà per molto tempo il principale metodo diagnostico per l'artrosi.

Ricerca di laboratorio

L'esame del sangue è un mezzo semplice per chiarire le cause del dolore alle articolazioni. L'analisi di routine specifica il numero di globuli rossi e globuli bianchi, l'emoglobina e il tasso di sedimentazione degli eritrociti. Lo studio dello stato delle proteine ​​e delle loro frazioni nel sangue, insieme a precedenti e ad una serie di altri dati, rende possibile giudicare la presenza di un processo infiammatorio. Un aumento del livello di acido urico nel sangue indica cambiamenti nelle articolazioni inerenti alla gotta. L'artrite reumatica è anche confermata dall'individuazione del fattore reumatico nel sangue. È vero, per chiarire i reumatismi portare avanti una serie di altri studi.

esame ecografico

Idealmente, questo metodo integra il precedente. Mentre l'immagine a raggi X rende possibile studiare principalmente la struttura delle ossa, un ultrasuono aiuta a chiarire la condizione dei tessuti molli (legamenti, capsule, vasi, muscoli, strato di grasso sottocutaneo). L'infiammazione del sacco sinoviale e delle guaine dei tendini, così come le cisti poplitee, sono ben diagnosticate. L'ecografia è di particolare importanza nello studio delle malattie dell'articolazione della spalla, dove la condizione dei tessuti molli gioca un ruolo significativo. Questo metodo di ricerca è ampiamente utilizzato perché è economico, economico e sicuro per il paziente.

Imaging a risonanza magnetica o computerizzata

Questi metodi di ricerca possono essere discussi solo nei casi più complessi, ad esempio con possibili cisti articolari dell'anca o danni al menisco e ai tessuti molli dell'articolazione del ginocchio. Questi sono studi complessi e costosi, sono i più appropriati da utilizzare in preparazione per la chirurgia.

scintigrafia

La scintigrafia scheletrica è un metodo in cui vengono utilizzate sostanze radioattive di breve durata. Sono iniettati nella vena del paziente e sono distribuiti attraverso il corpo attraverso il flusso sanguigno, accumulandosi principalmente nelle ossa o nei tessuti molli circostanti. Nei focolai patologici (tumori o tessuti infiammatori), l'agente di contrasto si accumula più che in quelli normali. Questo rende possibile distinguere il danno articolare reumatico dall'artrosi. Con questo metodo, è possibile rilevare metastasi di tumori maligni, che a volte, situati in prossimità delle articolazioni, causano dolore significativo, simile ai sintomi di artrosi.

Esame congiunto (artroscopia)

L'artroscopia è un incrocio tra un metodo chirurgico diagnostico e delicato. In precedenza, consentiva solo di chiarire i cambiamenti nel giunto prima dell'intervento chirurgico. Grazie a miglioramenti nel sistema di illuminazione ottica e microtools, le operazioni di risparmio sono ora possibili. Pertanto, è possibile rimuovere piccoli frammenti di tessuto cartilagineo nel liquido articolare e quindi impedire lo sviluppo del processo infiammatorio nell'articolazione. È anche possibile "tagliare" le esostosi (punte) e salvare il paziente dal dolore per alcuni anni. Molto spesso ciò si verifica nelle fasi iniziali della malattia. È noto che i cambiamenti patologici della cartilagine sulla rotula rimangono a lungo sulla radiografia "stupidi". Il dispositivo moderno del dispositivo consente di entrare nella microcamera congiunta, attraverso la quale vengono rilevati i cambiamenti nella cartilagine e nelle superfici articolari. Questa informazione è registrata su una videocassetta per monitorare il trattamento.

Nel 60% dei casi viene eseguita l'artroscopia dell'articolazione del ginocchio. Il restante 40% si trova nelle articolazioni della spalla, della caviglia e del gomito. Gli esami dell'anca sono raramente eseguiti a causa di difficoltà anatomiche.

Diagnosi osteoartrite

osteoartrite

L'osteoartrosi è una malattia degenerativa cronica articolare caratterizzata da progressiva distruzione della cartilagine articolare, dalla risposta proliferativa della cartilagine e del tessuto osseo e accompagnata da sinovite reattiva.

L'artrosi è una delle più antiche malattie dell'uomo e degli animali. Negli studi paleontologici, l'artrosi è stata trovata in persone che vivevano nell'età della pietra.

L'osteoartrosi è una forma comune di patologia articolare, colpisce il 10 - 12% della popolazione. L'incidenza aumenta con l'età, si sviluppa spesso dopo 30-35 anni e nelle persone di età superiore ai 60 anni si riscontra nel 97%. Secondo i reumatologi in Europa e negli Stati Uniti, questa malattia rappresenta fino al 69-70% di tutte le malattie reumatiche.

eziologia

Tradizionalmente, l'artrosi è divisa in primaria e secondaria. L'artrosi primaria è una conseguenza del metabolismo della cartilagine alterata ed è accompagnata da un disturbo nella funzione dei proteoglicani.

Artrosi secondaria - si verifica in una articolazione pre-modificata in violazione del normale rapporto delle superfici articolari e con la successiva ridistribuzione del carico su di esse con la concentrazione di pressione in una determinata area.

Struttura della cartilagine

La cartilagine articolare è elastica, non ha i suoi vasi sanguigni e terminazioni nervose e consiste di:

  • Cellule di condrociti;
  • Fibre di collagene intrecciate secondo uno schema particolare;
  • La sostanza principale (matrice), costituita da proteoglicani (principalmente condroitin solfato) e acqua.

La cartilagine alimentare viene effettuata durante il movimento principalmente attraverso il liquido sinoviale per diffusione, il liquido sinoviale lava la cartilagine, fornendo sostanze nutritive ad esso. Il liquido sinoviale è una sostanza viscoelastica che fornisce nutrimento per la cartilagine e funge da lubrificante ideale, assicurando lo scorrimento delle estremità articolari delle ossa. La rimozione dei prodotti di degradazione e dei metaboliti cellulari dal liquido sinoviale avviene attraverso la rete vascolare della membrana sinoviale. Uno dei componenti più importanti del liquido sinoviale è l'acido ialuronico.

Il principale componente strutturale della matrice cartilaginea è la molecola gigante condroitina solfato, questa molecola è un complesso complesso di composti i cui principali componenti strutturali sono glucosamina 4-6 solfato e acido ialuronico. L'acido ialuronico funge da asse per gli aggregati di proteoglicani (glucosamina, ecc.). In alte concentrazioni, migliora la sintesi di proteoglicani e inibisce l'attività degli enzimi che distruggono la cartilagine. Nel liquido sinoviale, l'acido ialuronico svolge il ruolo di un lubrificante, vale a dire riduce l'attrito tra strutture articolari contigue.

patogenesi

Oggi, il principale meccanismo patologico che causa la distruzione della cartilagine è considerato un disordine metabolico dei proteoglicani - proteine ​​che costituiscono la matrice - una sostanza interstiziale che, insieme ai condrociti - cellule cartilaginee, forma il tessuto cartilagineo. Nell'artrosi, la matrice perde le parti costitutive dei proteoglicani - glicosaminoglicani (condroitin solfato, keratan solfato, acido ialuronico) dalle zone superficiali, intermedie e profonde della cartilagine. Ciò porta all'allentamento e alla scissione della matrice, alla sua eccessiva idratazione seguita dalla disidratazione, ai cambiamenti nei processi di diffusione dei metaboliti in essa, alla disorganizzazione e alla rottura delle fibre di collagene.

La cartilagine di durevole, elastico, lucido e blu si trasforma in un secco, giallo, opaco con una superficie ruvida. Nella fase iniziale dell'artrosi, di norma, si localizzano zone localizzate di ammorbidimento della cartilagine in punti di massimo carico, in fasi successive si ha la frammentazione e si formano fessure verticali. Per lo più la cartilagine è calcificata. Il cracking della cartilagine porta a ulcerazioni, esponendo l'osso sottostante e frammenti separatori che entrano nella cavità articolare sotto forma di detriti.

Con la copertura della cartilagine assottigliata, la distribuzione della pressione tra le superfici articolari diventa irregolare. Carenza strutturale e metabolica della cartilagine articolare porta a incongruenza funzionale delle superfici articolari, compaiono zone di sovratensione. Ciò porta a sovraccarichi locali, aumentando l'attrito tra le superfici articolari e successivamente la cartilagine in quest'area si consuma fino all'osso. Le superfici articolari dell'osso, prive di deprezzamento del tessuto cartilagineo, presentano un carico meccanico ampio e irregolare.

Manifestazioni di osteoartrosi

  • Dolore all'inizio della malattia. Il dolore alle articolazioni può essere instabile e minore, a cui una persona non presta attenzione per molto tempo. Non è un caso che sia detto in senso figurato su OA che "si insinua" inavvertitamente, gradualmente. Con il progredire della malattia, il dolore alle articolazioni aumenta, acquisisce le caratteristiche caratteristiche dell'OA.
  • Il dolore meccanico si verifica quando il carico sul giunto, si infastidisce di più la sera, regredisce dopo una notte di riposo.
  • I dolori iniziali si verificano all'inizio del movimento (camminare, caricare), quindi scompaiono rapidamente.
  • Dolore notturno Apparendo nelle ultime fasi dell'OA di solito si verificano di notte, sono di natura spenta e scompaiono al mattino quando si cammina.
  • I dolori riflessi si verificano al di fuori dell'area dell'articolazione interessata.
  • Rigidità mattutina (rigidità) dell'articolazione, che non dura più di 30 minuti e scompare rapidamente dopo diversi movimenti nell'articolazione.
  • Un "blocco" di un'articolazione è di solito un dolore improvviso e acuto che blocca il movimento nell'articolazione. Si verifica a seguito di una violazione tra le superfici articolari di un frammento di tessuto cartilagineo ("mouse articolare"). Scompare anche improvvisamente con un certo movimento.
  • Deformità dell'articolazione dovuta a crescita ossea e cambiamenti nei tessuti periarticolari.
  • "Crunch" nelle articolazioni durante lo spostamento.
  • Limitazione del raggio di movimento nel giunto.

Trattamento per l'artrosi

Per scegliere il giusto trattamento, è molto importante che il medico faccia una diagnosi di osteoartrosi, poiché ci sono una serie di altre malattie delle articolazioni che sono simili nelle manifestazioni ad esso, ma il loro trattamento presenta differenze fondamentali. Il trattamento deve essere concordato con il medico. Uno dei motivi di ciò è che, purtroppo, un gran numero di fondi pubblicizzati non hanno prove scientifiche sufficienti della loro efficacia. Un dottore ti aiuterà a capire questo.

L'obiettivo principale del trattamento dell'artrosi è prevenire la progressione della distruzione della cartilagine e la massima conservazione possibile della funzione articolare. Il trattamento deve essere complesso, differenziato, a lungo termine e comprendere l'impatto sul processo locale nei tessuti articolari, periarticolari e sull'organismo nel suo insieme.

A chi andare con l'artrosi?

L'artrosi si manifesta a lungo, con una graduale perdita di movimento delle articolazioni e un cambiamento nella loro configurazione. L'effetto terapeutico in questa patologia è più efficace nelle prime fasi. Per preservare la tua salute, dovresti scoprire quale medico tratta l'artrosi e come la diagnosi è confermata.

Quali medici sono specializzati nelle malattie articolari?

La patologia delle articolazioni viene trattata da specialisti come reumatologo, ortopedico, artrologo. Inoltre, per il miglior effetto, i medici di altre specialità possono essere coinvolti nel processo di trattamento: un fisioterapista, un chirurgo, un massaggiatore e uno specialista in esercizi di guarigione e rafforzamento. Un medico che cura l'artrite cercherà innanzitutto la causa della malattia:

  • K reumatologi I pazienti i cui sintomi spiacevoli sono dovuti a infiammazione acuta o cronica sono trattati. La causa di questo processo patologico è solitamente un'infezione precedente, una violazione del sistema immunitario del corpo;
  • ortopedici trattare con forme gravi del processo patologico, spesso ricorrere all'aiuto di questi specialisti dopo terapia conservativa condotta in modo inefficace. Gli ortopedici usano metodi chirurgici di trattamento se è impossibile aiutare il paziente con altri mezzi. Ad esempio, in un'artrosi deformante del piede, il medico esegue l'artroplastica o stabilisce una protesi articolare;
  • Arthrology Medical è uno specialista stretto e studia varie condizioni patologiche delle articolazioni. Per ottenere un appuntamento con questo specialista è possibile solo in un istituto medico altamente specializzato. Gli artrologi possono prescrivere sia il trattamento conservativo che la chirurgia.

Di tutti gli specialisti che curano l'artrosi, prima di tutto dovresti visitare un reumatologo. Tuttavia, in caso di trauma o lesione dell'articolazione, un chirurgo o un ortopedico forniranno assistenza medica.

Quando dovrei andare dal dottore?

La comparsa di alcuni reclami dovrebbe indicare che dovresti consultare uno specialista. Per l'artrosi è tipico:

  • L'esecuzione di uno sforzo fisico normale comporta una grave stanchezza. L'osteoartrosi della caviglia in forma grave può essere complicata dalla completa perdita della capacità di spostare il paziente;
  • Dolore intenso al ginocchio, gomito e altre articolazioni;
  • Iperemia della pelle nella zona interessata;
  • Aspetto di edema tissutale;
  • Eseguire movimenti nell'articolazione è caratterizzato da un forte scricchiolio, scatti;
  • Man mano che la patologia progredisce, l'articolazione cambia forma, c'è una significativa limitazione della sua mobilità;

Un medico dovrebbe essere trattato con l'artrosi dell'articolazione della spalla o se altre articolazioni sono interessate, è necessario nelle prime fasi, poiché il processo patologico porta alla distruzione dell'articolazione e della disabilità della persona.

Come sta andando il processo diagnostico

Durante la visita dal medico, il paziente dovrà sottoporsi a una serie di studi per chiarire la diagnosi. La loro guida è considerata un esame radiografico. Questa procedura è molto semplice da eseguire, ma è altamente informativa. Senza conferma della diagnosi e dello stadio del processo patologico, il medico non può prescrivere la terapia necessaria. Il medico si occupa del trattamento dell'articolazione dell'anca dopo aver ricevuto i risultati delle analisi cliniche e biochimiche di sangue, urina, esame a raggi X, se necessario, effettuare una biopsia del tessuto cartilagineo. Le stesse procedure sono eseguite per l'artrite di altra localizzazione.

trattamento

Con l'artrosi, è imperativo andare dal medico, l'automedicazione non porta i risultati desiderati e perdi solo il tuo tempo. Il trattamento è effettuato con metodo conservativo, chirurgico o una combinazione di loro. La terapia sintomatica ha lo scopo di eliminare il dolore, l'infiammazione dell'articolazione. Per il recupero, è molto importante praticare regolarmente ginnastica speciale. Nei casi più gravi, eseguite plastica, articolazioni protesiche.

Salva il link o condividi informazioni utili nel social. networking

COME INSTALLARE LA DIAGNOSI DELL'ARTHROSIS?

COME INSTALLARE LA DIAGNOSI DELL'ARTHROSIS?

Indagine ed esame del paziente

La maggior parte dei pazienti lamenta dolore, cambiamenti infiammatori, ispessimento e deformazione delle articolazioni, difficoltà di movimento. Le difficoltà nella diagnosi di artrosi di solito si verificano all'inizio e durante la fase attiva della malattia, quando i sintomi sono molto simili ai segni di altre malattie delle articolazioni, in particolare i reumatismi. La diagnosi è chiarita con l'aiuto di studi immunologici di laboratorio. Inoltre, i segni oggettivi di infiammazione delle articolazioni aiutano a fare una diagnosi accurata. In alcuni casi, è necessario differenziare l'artrosi con danno articolare nelle malattie endocrine (diabete, acromegalia, disfunzione della tiroide e ghiandole paratiroidi, ecc.), Disordini metabolici, emofilia e alcune altre condizioni patologiche. In questi casi, un sondaggio completo.

Quali sono le opzioni diagnostiche per le malattie delle articolazioni?

Metodi tecnici di esame delle articolazioni

I raggi X sono stati usati per oltre 100 anni. Grazie alle nuove capacità tecniche e allo sviluppo di dispositivi di protezione, è diventato sicuro. L'immagine a raggi X mostra la condizione dell'articolazione. La struttura della cartilagine è tale che non è visibile nella foto, ma è possibile studiare bene la struttura delle ossa, la posizione delle superfici articolari e gli spazi vuoti, che sono usati per giudicare lo spessore delle sezioni cartilaginee delle ossa. Se la distanza tra le superfici articolari delle ossa è normale, l'artrosi può essere esclusa.

Nell'artrosi, il gap articolare è significativamente ridotto, che è associato ai carichi sopra sulle ossa dell'articolazione. A stadi abbastanza ritardati di artrosi, le ossa diventano più sottili e ispessite, e i denti specifici appaiono sui bordi delle articolazioni (osteofiti). In connessione con questo, il comune cresce di dimensioni. Questi denti ("spine"), a loro volta, aumentano il dolore alle articolazioni durante il movimento.

L'esame a raggi X permette di chiarire una serie di altre possibili malattie: processo infiammatorio, osteoporosi, tumori. Una serie di radiografie consecutive consente di giudicare il decorso della malattia, la fattibilità di alcuni metodi di trattamento. In caso di cambiamenti marcati e della rapida progressione del processo, la questione di un eventuale intervento chirurgico è già in discussione. Molto probabilmente, la radiografia sarà per molto tempo il principale metodo diagnostico per l'artrosi.

L'esame del sangue è un mezzo semplice per chiarire le cause del dolore alle articolazioni. L'analisi di routine specifica il numero di globuli rossi e globuli bianchi, l'emoglobina e il tasso di sedimentazione degli eritrociti. Lo studio dello stato delle proteine ​​e delle loro frazioni nel sangue, insieme a precedenti e ad una serie di altri dati, rende possibile giudicare la presenza di un processo infiammatorio. Un aumento del livello di acido urico nel sangue indica cambiamenti nelle articolazioni inerenti alla gotta. L'artrite reumatica è anche confermata dall'individuazione del fattore reumatico nel sangue. È vero, per chiarire i reumatismi portare avanti una serie di altri studi.

Idealmente, questo metodo integra il precedente. Mentre l'immagine a raggi X rende possibile studiare principalmente la struttura delle ossa, un ultrasuono aiuta a chiarire la condizione dei tessuti molli (legamenti, capsule, vasi, muscoli, strato di grasso sottocutaneo). L'infiammazione del sacco sinoviale e delle guaine dei tendini, così come le cisti poplitee, sono ben diagnosticate. L'ecografia è di particolare importanza nello studio delle malattie dell'articolazione della spalla, dove la condizione dei tessuti molli gioca un ruolo significativo. Questo metodo di ricerca è ampiamente utilizzato perché è economico, economico e sicuro per il paziente.

Imaging a risonanza magnetica o computerizzata

Questi metodi di ricerca possono essere discussi solo nei casi più complessi, ad esempio con possibili cisti articolari dell'anca o danni al menisco e ai tessuti molli dell'articolazione del ginocchio. Questi sono studi complessi e costosi, sono i più appropriati da utilizzare in preparazione per la chirurgia.

La scintigrafia scheletrica è un metodo in cui vengono utilizzate sostanze radioattive di breve durata. Sono iniettati nella vena del paziente e sono distribuiti attraverso il corpo attraverso il flusso sanguigno, accumulandosi principalmente nelle ossa o nei tessuti molli circostanti. Nei focolai patologici (tumori o tessuti infiammatori), l'agente di contrasto si accumula più che in quelli normali. Questo rende possibile distinguere il danno articolare reumatico dall'artrosi. Con questo metodo, è possibile rilevare metastasi di tumori maligni, che a volte, situati in prossimità delle articolazioni, causano dolore significativo, simile ai sintomi di artrosi.

Esame congiunto (artroscopia)

L'artroscopia è un incrocio tra un metodo chirurgico diagnostico e delicato. In precedenza, consentiva solo di chiarire i cambiamenti nel giunto prima dell'intervento chirurgico. Grazie a miglioramenti nel sistema di illuminazione ottica e microtools, le operazioni di risparmio sono ora possibili. Pertanto, è possibile rimuovere piccoli frammenti di tessuto cartilagineo nel liquido articolare e quindi impedire lo sviluppo del processo infiammatorio nell'articolazione. È anche possibile "tagliare" le esostosi (punte) e salvare il paziente dal dolore per alcuni anni. Molto spesso ciò si verifica nelle fasi iniziali della malattia. È noto che i cambiamenti patologici della cartilagine sulla rotula rimangono a lungo sulla radiografia "stupidi". Il dispositivo moderno del dispositivo consente di entrare nella microcamera congiunta, attraverso la quale vengono rilevati i cambiamenti nella cartilagine e nelle superfici articolari. Questa informazione è registrata su una videocassetta per monitorare il trattamento.

Nel 60% dei casi viene eseguita l'artroscopia dell'articolazione del ginocchio. Il restante 40% si trova nelle articolazioni della spalla, della caviglia e del gomito. Gli esami dell'anca sono raramente eseguiti a causa di difficoltà anatomiche.

Il medico che cura l'artrosi: ortopedico, traumatologo, reumatologo

Se un paziente ha l'artrosi di qualsiasi articolazione, allora la sua prima domanda è a quale dottore dovrebbe rivolgersi? Tuttavia, la natura eziologica della patologia e la messa in scena del decorso della malattia non consentono una risposta univoca. A seconda delle manifestazioni tipiche e della natura dei sentimenti del paziente, i pazienti si rivolgono a medici di diverse specializzazioni. Pertanto, sembra necessario analizzare la situazione passo dopo passo, in modo che ogni persona sappia quale medico tratta l'artrosi.

Brevemente sulle cause e le principali manifestazioni della malattia

Importante sapere! I medici sono sotto shock: "Esiste un rimedio efficace ed economico per ARTHROSIS." Per saperne di più.

Non tutta l'artrosi è dello stesso tipo di origine. Può causare la malattia:

  • processo degenerativo-distrofico nell'articolazione;
  • lesione sistemica del tessuto connettivo;
  • traumi;
  • disturbo locale dell'afflusso di sangue all'articolazione con occlusioni delle autostrade centrali;
  • necrosi asettica di una delle superfici articolari;
  • danno al sistema nervoso, portando alla mancanza di sensibilità dell'articolazione.

Ciascuna delle cause della patologia influisce sulla natura dei sentimenti del paziente. Pertanto, i sintomi che compaiono prima di tutto ti fanno andare dal dottore non secondo il profilo. I principali segni clinici dell'osteoartrite:

  • il dolore;
  • irradiazione lungo il plesso nervoso;
  • violazione di movimenti attivi;
  • manifestazioni specifiche caratteristiche di danno a una particolare articolazione - disturbi dell'andatura, debolezza del braccio o della gamba e altri sintomi.

Poiché il quadro clinico della malattia è sempre diverso, di solito è il dolore della persona che domina. È da queste posizioni che una persona inizia a cercare aiuto medico.

Chi tratta l'artrosi - il trattamento più frequente dei pazienti

L'elenco di specialisti che vengono contattati da pazienti con denunce di danni alle articolazioni è molto numeroso. Le seguenti sono le principali specialità dei medici e le ragioni per cui le persone si rivolgono a loro:

  • il chirurgo. Non un traumatologo, ma è un orientamento generale specializzato, che prende in clinica. Poiché il dolore è il sintomo dominante, è per il chirurgo che la maggior parte delle persone si rivolge principalmente;
  • terapeuta. Si ammala in due casi: quando il processo è appena iniziato, ci sono solo piccole deviazioni nel lavoro dell'articolazione, come un crunch o un dolore iniziale, o in un momento in cui, a causa dell'età, il processo è già lontano;
  • traumatologo. L'appello iniziale a un tal medico è possibile solo alla menzione di ferita. In altri casi, il traumatologo rimane al di fuori della portata del gruppo di pazienti travolgente;
  • chirurgo vascolare. Le donne di solito vengono da questo dottore perché si sono incontrati con lui a causa delle vene varicose. In una tale situazione, il dolore nell'articolazione è attribuito al danno al sistema venoso. La seconda categoria di persone che possono venire al chirurgo vascolare sono i fumatori affetti da aterosclerosi obliterante delle arterie degli arti inferiori;
  • neurologo. Spesso, il dolore nell'articolazione, specialmente nell'anca o nella colonna vertebrale, simula il quadro clinico dell'osteocondrosi. Pertanto, i pazienti si rivolgono al neurologo.

Sebbene il numero di medici a cui i pazienti arrivano inizialmente sia piuttosto ampio, ciascuno di essi, ad eccezione della patologia del profilo, dà la direzione di un esame radiografico dell'articolazione interessata. Ciò porta a chiarire le cause del disagio del paziente. Quindi il paziente viene inviato a un medico specializzato, in base alla diagnosi prevista.

Osteoartrosi dell'articolazione dell'anca - che il medico tratta

Uno dei processi degenerativi-distrofici più danneggiati delle articolazioni è l'anca. Le seguenti sono le opzioni di trattamento per l'artrosi dell'articolazione da parte di medici di varie specialità, a seconda dello stadio e della causa della malattia:

  • Fase 1 artrosi Una persona è disturbata da dolori articolari incoerenti, difficoltà di esercizio, un crunch periodico e l'incapacità di eseguire i soliti movimenti attivi. L'artrosi della fase 1 si verifica più spesso per 2 motivi: il processo degenerativo-distrofico o il danno sistemico al tessuto connettivo. In questa fase, un terapeuta locale ordinario può curare l'artrosi. È solo importante diagnosticare correttamente per escludere la progressione della malattia;
  • Fase 2 La malattia progredisce costantemente, il sintomo dolore aumenta, le funzioni dell'articolazione sono disturbate. Tanto meno liquido sinoviale che minaccia la rapida transizione verso la completa immobilità. Questo è il punto più importante: se trattate il paziente in modo errato, si verificherà inevitabilmente anchilosi che porterà alla disabilità. Pertanto, nel processo degenerativo-distrofico, un traumatologo dirige le misure terapeutiche e, in caso di danno sistemico del tessuto, un reumatologo. Di solito prescritto terapia farmacologica complessa in combinazione con fisioterapia, terapia fisica e massaggio;
  • Fase 3 Completa immobilità dell'articolazione dell'anca Le misure terapeutiche sono inutili, dal momento che solo la chirurgia - la sostituzione dell'endoprotesi - è in grado di aiutare radicalmente il paziente. Prima dell'intervento, è indicata la terapia fisica per preparare i muscoli degli arti per i cambiamenti imminenti. Pertanto, un medico di terapia fisica si connette al trattamento e l'ortopedico traumatologo svolge il ruolo principale nell'aiutare il paziente con una lesione dell'articolazione dell'anca.

Sotto le condizioni di un moderno sistema sanitario, l'assistenza di specialisti ristretti, tra cui un traumatologo o un medico di terapia fisica, è esclusivamente di consulenza. Solo in rari casi il paziente osserva direttamente il medico del profilo. Tuttavia, un accurato rispetto delle raccomandazioni di un traumatologo o di un reumatologo può essere monitorato da un medico distrettuale. È questo dottore che controlla costantemente la patologia.

Non appena il paziente si accorge di avere un problema, sorge immediatamente la domanda su quale medico curerà l'artrosi dell'articolazione dell'anca. E l'appello iniziale al terapeuta è corretto, in quanto è necessario eseguire il minimo diagnostico prima di contattare i medici specializzati ristretti. Inizialmente, nella prima fase, il processo può essere stabilizzato e l'assistenza di un traumatologo o reumatologo sarà molto utile.

Tattiche di trattamento in base allo stadio della malattia

Poiché il corso di artrosi di qualsiasi articolazione ha una chiara stadiazione che caratterizza il grado di coinvolgimento dell'articolazione in patologia, i metodi di trattamento e la scelta di un medico differiscono significativamente. Alle manifestazioni iniziali di artrosi di qualsiasi articolazione, la principale direzione di cura per il paziente è la terapia conservativa. Principi di trattamento per l'artrosi della fase 1:

  • migliorare il flusso sanguigno nell'articolazione;
  • aumento della produzione di liquido sinoviale;
  • un aumento dell'attività dei movimenti;
  • rafforzare i muscoli e legamenti coinvolti nel lavoro dell'articolazione;
  • stabilizzazione congiunta e prevenzione della progressione.

Anche il "running" ARTROZ può essere curato a casa! Basta non dimenticare di spalmarlo una volta al giorno.

I principali metodi di terapia:

  • farmaco: condroprotettore, FANS, vasodilatatori periferici;
  • riduzione del peso per alleviare il carico sull'articolazione, specialmente negli arti;
  • correzione delle patologie associate, in particolare patologie cardiovascolari ed endocrine;
  • l'uso di terapia fisica e corsi di massaggio;
  • condurre l'agopuntura;
  • nomina di sedute di fisioterapia.

Pertanto, i seguenti specialisti sono coinvolti nel complesso trattamento dell'artrosi:

  • terapeuta;
  • endocrinologo;
  • medico di terapia fisica;
  • fisioterapista;
  • reumatologo;
  • alla presenza di patologia grave concomitante - un cardiologo.

Il terapeuta supervisiona il trattamento allo stadio 1 di artrosi di qualsiasi articolazione. Agisce in modo indipendente, ma con il supporto di medici specializzati. È con una visita al medico locale nella clinica che dovrebbe iniziare il processo terapeutico e diagnostico.

La fase 2 di artrosi è il limite nella domanda di ulteriori tattiche per aiutare il paziente. Inizialmente, la terapia conservativa viene sempre eseguita, soprattutto in presenza di infiammazione sistemica nel corpo. Il principale specialista che corregge il trattamento è il profilo medico. È estremamente importante fermare la progressione della malattia, poiché durante la transizione verso la fase successiva, l'operazione sarà inevitabile. Il paziente viene solitamente assegnato:

  • terapia farmacologica potenziata, compresi condroprotettori, FANS, ormoni e talvolta citostatici;
  • fisioterapia;
  • massaggio;
  • Terapia fisica;
  • l'introduzione di farmaci nella cavità articolare.

Di solito, solo le cure ambulatoriali non terminano il trattamento; Hai bisogno di almeno 3 corsi all'anno di effetti stazionari attivi sull'articolazione. La terapia orale è combinata con parenterale e spesso senza farmaci intra-articolari è necessario.

Allo stadio 2, la malattia è già fissata, è quasi impossibile invertire il processo. Pertanto, è imperativo che la richiesta primaria di assistenza medica nelle manifestazioni più iniziali della malattia. Se la qualità della vita e le capacità lavorative del paziente non possono essere ripristinate con misure conservative, allora si pone la questione di una radicale correzione chirurgica usando l'endoprotesi. Il paziente viene monitorato da un reumatologo e terapeuta, ma è necessario un contatto consultivo regolare con un traumatologo ortopedico per scegliere le migliori tattiche di cura del paziente.

Ci sono situazioni in cui nella fase 2 il trattamento conservativo è inefficace. Tra le patologie:

  • processo rapidamente progressivo;
  • necrosi della testa del femore;
  • fratture intraarticolare;
  • la presenza di insufficienza vascolare dovuta a lesioni o vene varicose;
  • difetto estetico grossolano;
  • l'incapacità di svolgere il lavoro quotidiano;
  • un forte deterioramento della qualità della vita del paziente;
  • controindicazioni per l'assunzione di farmaci di supporto.

In questi casi, l'ortopedico traumatologo diventa un medico che cura l'artrosi, in quanto l'intervento chirurgico è necessario per il paziente.

Chi cura l'artrosi, che tipo di dottore?

L'osteoartrite si sviluppa in varie articolazioni, ma più spesso nell'anca e nel ginocchio. Nel primo caso, i medici diagnosticano la coxartrosi e nella seconda la gonartrosi.

Manifestazioni di artrosi

I primi segni di patologia includono dolore e gonfiore nell'area articolare, fastidio nell'area colpita, seguita da una violazione dell'attività motoria. Nella fase iniziale, la malattia viene cancellata. I reclami compaiono solo dopo lo sforzo fisico e di notte. Pertanto, le persone non prestano attenzione a questi sintomi, aspettano che tutto vada via e non vogliono andare dal medico. Tuttavia, il ritardo nella ricerca di assistenza medica non ne vale la pena. Ciò può causare un processo degenerativo irreversibile nel tessuto cartilagineo dell'articolazione.

La comparsa di disagio nella zona comune è un motivo per fissare immediatamente un appuntamento con un medico.

Chi contattare

I medici coinvolti nel trattamento dell'artrosi sono divisi in:

  • Profilo (terapeuta, reumatologo, artrologo, ortopedico);
  • Adiacente (altri specialisti sono un cardiologo, un nefrologo).

Il primo medico a cui viene il paziente è un terapista o un medico di famiglia. Il paziente continua a sottoporsi a trattamento in lui, se non si presentano complicazioni e la malattia non progredisce. Il medico raccoglie l'anamnesi, esamina l'articolazione interessata e prescrive una serie di esami:

  • Esami del sangue (generali, biochimici, determinazione del fattore reumatoide, immunogramma). In rari casi, viene eseguita un'analisi per cercare agenti infettivi specifici;
  • Campioni con allergeni;
  • Radiografia e / o risonanza magnetica (MRI) dell'articolazione. I metodi di radiazione consentono di considerare i contorni della superficie articolare, determinare la presenza di corpi estranei e stabilire lo stadio della malattia;
  • Esame ecografico (ultrasuoni) dell'area problematica;
  • Specialista in consulenza

Un reumatologo è uno specialista in osteoartrosi generalizzata. Impegnato nel trattamento conservativo delle malattie degenerative delle articolazioni in caso di loro progressione. La terapia comprende compresse e forme iniettabili di medicinali, unguenti e gel. Il reumatologo esegue in modo indipendente iniezioni intra-articolari di farmaci (ormoni, amminoacidi), controlla il processo di trattamento e, se necessario, invia il paziente all'ortopedico.

Nei grandi centri clinici, gli artrologi si occupano delle articolazioni colpite. Medico che cura l'artrosi di un'articolazione specifica (gonartrosi o coxartrosi). Ma questi specialisti non si trovano in ogni ospedale distrettuale.

Nella seconda fase di artrosi, il paziente procede al trattamento da un ortopedico. Lo specialista si occupa della correzione chirurgica delle articolazioni colpite. Se non ci sono ortopedici nella clinica di distretto, i chirurghi o i traumatologi eseguono un esame e un ulteriore trattamento del paziente.

Il paziente deve sapere chi tratta l'artrosi e l'artrosi. Al primo stadio della malattia, dopo essersi consultato con specialisti ristretti, il terapeuta locale si occupa del paziente. Il secondo - un reumatologo e un ortopedico. Al terzo - un dottore chirurgico.

Funzioni di altri specialisti

Il fisioterapista, il fisioterapista e il massaggiatore guidano il paziente attraverso tutte le fasi della terapia (farmaci, chirurgia, nonché nel periodo postoperatorio e riabilitativo). Gli esperti selezionano la modalità ottimale di attività fisica e prescrivono un trattamento non farmacologico. Le lezioni possono essere tenute in ospedale o ambulatorialmente.

Le sessioni di terapia manuale aiutano ad alleviare blocchi muscolari e fasciali, migliorano la circolazione sanguigna e il flusso linfatico e aiutano a ridurre l'edema.

Nel periodo postoperatorio, lo specialista della riabilitazione è coinvolto nel ripristino della funzione delle misure finite. Il medico sviluppa programmi individuali per ciascun paziente.

Essere costantemente osservato dagli stessi specialisti al fine di riconoscere la progressione della malattia nel tempo e prendere le misure appropriate.

Chi altro puoi contattare

A volte l'artrosi si sviluppa sullo sfondo di altri disturbi. In tali situazioni, è richiesta la consultazione di un medico di un profilo correlato. I pazienti sono esaminati:

  • Endocrinologo - valuta e corregge il background ormonale del paziente;
  • Neurologo - è impegnato nel trattamento dei disturbi in ischemia del fascio neurovascolare sullo sfondo di edema articolare;
  • Allergologo e immunologo - controlla lo stato delle difese dell'organismo e la reazione allergica a varie sostanze;
  • Infettante - è impegnato nell'identificazione di agenti patogeni batterici o virali;
  • Chirurgo vascolare: diagnostica una violazione del flusso sanguigno nell'area dell'articolazione interessata;
  • Nutrizionista - regola la dieta nelle persone obese.

La decisione di esaminare un paziente da specialisti correlati è presa dal medico curante.

I pazienti devono contattare il medico curante per l'osteoartrite una volta all'anno per rilevare tempestivamente l'andamento della malattia.

Trattamento per l'artrosi

Il trattamento dell'artrosi è complesso e include:

  • Farmaci medici - farmaci anti-infiammatori non steroidei, ormoni, condroprotettori, aminoacidi, vitamine;
  • Maglieria a compressione, sostiene l'articolazione esterna, creando l'effetto di legamenti esterni;
  • La fisioterapia aiuta ad aumentare il flusso sanguigno nell'area patologica e riduce l'intensità del dolore;
  • Il risultato di regolari esercizi di fisioterapia è un aumento del tono muscolare dell'arto, che porta ad un aumento della struttura muscolare dell'articolazione.
  • Massaggio: consente di rimuovere i blocchi muscolo-fasciali;
  • Trattamento chirurgico - utilizzato nella seconda e nelle successive fasi del trattamento della malattia.

operazione

Negli ultimi stadi dell'osteoartrite, la cartilagine viene distrutta e l'articolazione non può funzionare normalmente. Gli ortopedici hanno sviluppato una serie di operazioni per ripristinare il lavoro di un arto.

Il trattamento chirurgico è suddiviso in conservazione degli organi (artroplastica, artrodesi, artrotomia) e radicali (protesi articolari). Tutte le operazioni sono eseguite in anestesia generale e una procedura aperta.

Quando l'artroplastica nella cavità articolare tra cartilagine, il chirurgo taglia tutte le adesioni e aderenze, forma la superficie articolare. Quando l'artrodesi forma un giunto fisso e lo fissa in questa posizione. Questo è fatto al fine di ridurre il dolore e l'ulteriore distruzione dell'osso.

Nell'artrotomia, il chirurgo apre la cavità dell'articolazione interessata ed estrae pezzi di cartilagine, pus. La protesi consiste nel sostituire i tessuti del paziente con quelli artificiali. I giunti sono realizzati in titanio e cobalto, polietilene, ceramica e cemento osseo. La protesi viene selezionata singolarmente e inserita nel paziente.

L'artrosi è una malattia degenerativa comune delle articolazioni. È impossibile curare la malattia, ma tutti possono rallentare con una diagnosi tempestiva. Pertanto, i pazienti devono cercare immediatamente l'aiuto di specialisti e sapere quale medico tratta l'artrosi dell'articolazione del ginocchio.

Come capire che sei malato con l'artrosi: metodi diagnostici

I sintomi clinici di varie malattie articolari hanno molto in comune e gli approcci al trattamento differiscono. È impossibile diagnosticare l'artrosi solo perché il paziente lamenta dolori articolari e rigidità. Una diagnosi completa di artrosi con l'uso di metodi di laboratorio strumentali e clinici. Solo un esame del genere può distinguere l'artrosi dall'artrite, prescrivere un trattamento che corrisponde a uno stadio specifico dell'osteoartrosi. La diagnosi inizia con un sondaggio e l'esame del paziente, studiando la storia, eseguendo test funzionali. Quindi, le radiografie e i test sono necessariamente eseguiti, possono essere prescritti ulteriori esami per chiarire la diagnosi.

Esame fisico

Un reumatologo può sospettare l'artrosi in un paziente se ci sono tali manifestazioni cliniche:

  • dolore meccanico alle articolazioni che si verificano sotto carico, con movimenti e scomparendo in uno stato di riposo;
  • crisi epilettiche periodiche accompagnate da forti dolori (blocco);
  • mobilità limitata dell'articolazione, in una fase iniziale insignificante.

La diagnosi di osteoartrite è supportata da una storia di sovraccarico professionale, sportivo o domestico delle articolazioni, lesioni, casi di artrosi nella storia familiare. È necessario prestare attenzione alla presenza nella storia di malattie che possono dare un quadro clinico simile. Quando intervista un paziente, il medico specifica per quanto tempo e in quali circostanze si sono verificati i sintomi. Di norma, in caso di artrosi, i sintomi aumentano gradualmente, la malattia progredisce lentamente, spesso inizia a svilupparsi senza una ragione apparente. Dopo un sondaggio e un'anamnesi, vengono eseguiti un esame visivo e una palpazione, vengono valutate la forma e le dimensioni dell'articolazione, vengono valutate le condizioni della pelle e vengono identificate aree dolorose:

  • in una fase iniziale, i cambiamenti nella forma dell'articolazione, di regola, sono assenti, i fenomeni di deframmentazione (aumento delle dimensioni, sfocatura dei contorni) sono spesso annotati a 2, associati alla sinovite che si uniscono, a 3 - deformazioni dovute a crescite marginali dell'osso;
  • in caso di artrosi complicata da sinovite, la pelle sopra l'articolazione viene tesa, acquista lucentezza lucente, arrossata, calda al tatto;
  • durante la palpazione, si notano le aree più dolorose nell'area della proiezione della fessura articolare, con sinovite, fluttuazione (fluttuazioni dei tessuti molli), che indica un accumulo di liquido infiammatorio, a partire dalla fase 2, si avvertono gli osteofiti;
  • a 2-3 stadi c'è una diminuzione della circonferenza dell'arto malato rispetto a quella sana e il suo accorciamento.

Stadio obbligatorio della diagnosi di osteoartrite - Esecuzione di test funzionali. Dopo l'esame, il medico esegue una serie di movimenti passivi nell'articolazione interessata, chiede al paziente di eseguire movimenti attivi e, se si sospetta l'artrosi degli arti inferiori, fare una passeggiata. Viene valutata la natura dell'andatura, la postura, il grado di restrizione dei movimenti attivi e passivi nell'articolazione. Il movimento è spesso accompagnato da crepitio - crunch, crackle. L'angolo di mobilità viene misurato utilizzando un dispositivo speciale: il goniometro. La dinamometria muscolare può anche essere eseguita per valutare la forza muscolare, che diminuisce con l'artrosi.

Esame a raggi X.

Raggi X: il principale metodo di diagnosi strumentale dell'artrosi. Un'istantanea del problema dell'articolazione viene eseguita in almeno due proiezioni, dirette e laterali, in alcuni casi la diagnosi di osteoartrite richiede di scattare istantanee in proiezioni aggiuntive. Il primo e principale criterio radiologico dell'osteoartrosi è un restringimento dello spazio articolare associato al diradamento dello strato cartilagineo. Sulla radiografia, sono visibili solo i tessuti duri, la cartilagine a raggi X è invisibile e il restringimento del lume articolare indica processi degenerativi-distrofici in esso. Di solito si verifica in modo non uniforme, più pronunciato nei luoghi di massimo carico sulla cartilagine, dove diventa più sottile più velocemente.

Altri segni radiologici di osteoartrosi - osteosclerosi (compattazione del tessuto osseo), osteofitosi (escrescenze marginali), deformità delle superfici articolari - sono anche inerenti ad altre patologie. Quindi, la deformazione delle estremità articolari delle ossa può verificarsi con anomalie congenite della formazione dell'articolazione, dopo osteocondropatia (necrosi asettica), ma queste patologie non sono accompagnate da restringimento del gap.

Osteophytosis e osteosclerosis sono meccanismi compensatori, una reazione protettiva del tessuto osseo in risposta al carico aumentato. La forma e la dimensione degli osteofiti variano considerevolmente in base allo stadio e alla localizzazione dell'artrosi. Sono formati lungo il bordo dell'area articolare e nel punto di attacco dei legamenti interni. In una fase iniziale, si tratta di formazioni singole sotto forma di piccole cuspidi o protuberanze con una dimensione di 1-2 mm. In seguito, il numero di osteofiti aumenta, crescono, si fondono, formando una "cresta", "frangia", "labbro". L'osteosclerosi è accompagnata da un cambiamento nel rilievo delle superfici articolari, dall'aspetto delle irregolarità.

Caratteristiche specifiche e opzionali

Con diversi tipi di artrosi, le deformità sono specifiche. Pertanto, la coxartrosi è caratterizzata dall'ossificazione del labbro articolare cartilagineo lungo il bordo dell'acetabolo, la testa del femore diventa a forma di fungo e il collo si ispessisce. In caso di artrosi patellofemorale, la superficie anteriore del femore si ispessisce a causa della potente stratificazione ossea e i bordi della rotula vengono affilati. Con gonartrosi, si osserva l'artrosi della caviglia, l'appiattimento delle aree articolari. Nelle piccole articolazioni l'osteosclerosi è lieve. Il restringimento dello spazio articolare, gli osteofiti, l'osteosclerosi, le deformità dei siti articolari sono segni obbligatori di osteoartrosi. Sebbene in una fase iniziale, di solito è presente solo il primo di questi sintomi. Inoltre, si possono notare segni opzionali:

  • l'erosione del tessuto osseo (difetti del bordo) di solito si sviluppa sullo sfondo della sinovite. I difetti marginali nell'osteoartrosi da vera erosione nell'artrite si distinguono per il fatto che nel primo caso le dimensioni dell'erosione sono limitate e nella loro base vi sono aree di osteosclerosi;
  • la riorganizzazione cistica della parte subcondrale è principalmente caratteristica della coxartrosi, le cavità hanno un contorno chiaro e sono circondate da un bordo di tessuto osseo compresso;
  • condromi izzati (corpi liberi intraarticolari, topi articolari).

Stadi a raggi X.

I criteri radiologici in combinazione con i sintomi clinici consentono di determinare lo stadio dell'artrosi - i cambiamenti iniziali, pronunciati e pronunciati (precoce, sviluppato, tardivo).

  1. Un leggero restringimento dello spazio articolare, piccoli osteofiti isolati, contorni di ossa articolate sono chiari.
  2. Il divario congiunto è ridotto rispetto alla norma almeno due volte, solitamente in modo non uniforme. Nelle aree di maggior restringimento aree marcate di osteosclerosi. Crescite marginali chiaramente visibili delle ossa.
  3. In alcuni punti, le superfici articolari sono in contatto tra loro, l'osteosclerosi intensiva si sviluppa in queste aree, a volte con una ristrutturazione cistica focale. C'è una marcata deformazione delle superfici articolate, appiattimento ed espansione dovuta alla crescita degli osteofiti.

Altri metodi di diagnostica strumentale

Se la radiografia classica non è sufficientemente informativa oi suoi risultati non indicano l'artrosi, i seguenti metodi di ricerca aiuteranno a determinare la causa della sindrome del dolore:

  • tomografia computerizzata (CT);
  • artrografia: un'immagine con una sostanza radiopaca;
  • risonanza magnetica (MRI);
  • ecografia dell'articolazione (ecografia);
  • artroscopia - un metodo diagnostico invasivo, lo studio dell'articolazione dall'interno attraverso un artroscopio, che viene inserito attraverso una puntura in miniatura.

La TAC è una ripresa di sezioni dell'articolazione in diversi piani, che consente di esaminare le strutture ossee in dettaglio, visualizzando ogni sezione con precisione millimetrica. L'artrografia è più informativa in caso di sospetto trauma - rottura del legamento, capsula articolare, danno del menisco. La risonanza magnetica può rilevare i cambiamenti nei tessuti duri e molli, diagnosticare l'artrosi, l'artrite, i traumi. L'ecografia è di solito prescritta per i processi infiammatori, questo metodo è conveniente per stimare il volume del liquido sinoviale, la visualizzazione della cartilagine, la membrana sinoviale. La diagnosi artroscopica dell'osteoartrosi e di altre malattie articolari viene eseguita in casi difficili. Durante questa procedura, è possibile prelevare un campione di tessuto per la biopsia, quindi è indispensabile se si sospetta un processo tumorale maligno.

Test di laboratorio

Quali test hai per sospetta artrosi? Prima di tutto, è un esame clinico generale (prelevato dal dito) e biochimico (da una vena vuota). Gli esami del sangue non consentono tanto di confermare la diagnosi di artrosi, quanto di escludere l'artrite. Se i risultati del test indicano un processo infiammatorio pronunciato caratteristico dell'artrite, sono previsti ulteriori studi per stabilire la natura dell'infiammazione. L'artrite può essere reumatica, reumatoide, infettiva, reattiva, gottosa, e specifici esami del sangue, delle urine e del liquido sinoviale vengono eseguiti per determinarne il tipo.

Un esame del sangue per l'osteoartrite non rivela segni di infiammazione:

  • L'ESR (tasso di sedimentazione eritrocitaria) è normale, con l'aumento dell'artrosi con sinovite, ma leggermente, non superiore a 25 mm / s, un aumento più significativo indica l'artrite;
  • il conteggio dei leucociti è normale;
  • quadro biochimico del sangue senza cambiamenti, il livello dei marcatori infiammatori (seromukid, immunoglobuline, proteina C-reattiva) non supera la norma.

In alcuni casi, il medico può decidere di eseguire la puntura e l'aspirazione congiunta di liquido sinoviale per gli studi di laboratorio. La presenza di prodotti di degradazione della cartilagine in esso indica l'artrosi, la presenza di marcatori infiammatori indica sinovite o artrite. Se si sospetta la natura infettiva dell'artrite, vengono effettuati test di baccultura per identificare l'agente patogeno.

La diagnosi precoce dell'osteoartrosi è cruciale per una terapia efficace. Altrettanto importante è la diagnosi differenziale con l'artrite e altre patologie. Anche il più esperto reumatologo non può fare una diagnosi accurata basata solo sui risultati di un esame fisico. Lo stadio dell'artrosi è determinato sulla base di criteri clinici e radiologici. Per chiarire la diagnosi, vengono eseguite diagnosi differenziale con altre patologie articolari e periarticolari, ecografia e risonanza magnetica. I test di laboratorio svolgono un ruolo cruciale nella diagnosi differenziale di artrosi e artrite.

Artrosi che diagnosticano

Artrosi deformante (coxartrosi) dell'articolazione dell'anca 1, 2, 3 gradi

La coxartrosi dell'articolazione dell'anca è una forma grave di osteoartrite, una malattia che si verifica più spesso nella pratica medica e rappresenta oltre il 40% di tutte le malattie nel sistema muscolo-scheletrico.

Questa malattia inizia principalmente a svilupparsi dopo 40 anni in uomini e donne. Tuttavia, nelle donne questa malattia è più grave.

La coxartrosi è un'artrosi deformante dell'articolazione dell'anca, che viene trattata con successo nella fase iniziale dello sviluppo.

Ma, sfortunatamente, i malati non cercano di cercare immediatamente l'aiuto di un dottore, sentendo il primo dolore allo statuto dell'anca.

In tal modo consentendo alla malattia di progredire.

Cause della malattia

Le ragioni per cui la coxartrosi può svilupparsi nell'articolazione dell'anca sono in realtà una quantità enorme:

  1. la causa principale è la ridotta circolazione del sangue, quando il deflusso venoso e l'afflusso arterioso peggiorano. Di conseguenza, può verificarsi l'accumulo di prodotti metabolici e di quelli ossidati, e gli enzimi iniziano ad essere attivati, che successivamente iniziano a distruggere la cartilagine.
  2. importanti fattori meccanici. Questo è un sovraccarico dell'articolazione. Nella maggior parte di questi sovraccarichi soffrono atleti professionisti. Anche le persone in sovrappeso sono sensibili a questa malattia.
  3. cambiamenti biochimici nella struttura della cartilagine. Violazione del metabolismo nel corpo umano. E, naturalmente, i cambiamenti ormonali nel corpo.
  4. lesioni. Queste sono dislocazioni traumatiche, fratture del collo del femore, tutti i tipi di fratture pelviche. È dopo gli infortuni che la coxartrosi può iniziare a svilupparsi nei giovani.
  5. sviluppo della necrosi asettica della testa pelvica.
  6. infiammazione articolare e processi infettivi.
  7. malattie della colonna vertebrale, come la scoliosi o cifosi,
  8. flatfoot.
  9. anomalia congenita. Interruzione dello sviluppo delle articolazioni.
  10. dislocazione congenita dell'anca. Per questo motivo, lo sviluppo della coxartrosi si verifica in più del 20% delle persone.
  11. stile di vita sedentario.
  12. eredità dell'organismo. Certamente, la malattia stessa non è ereditata dall'ereditarietà, ma la struttura dello scheletro viene trasmessa. E se i tuoi parenti soffrono di coxartrosi, allora la probabilità che si verifichi una simile malattia aumenta più volte.

La coxartrosi può essere sia primaria, come malattia indipendente, sia secondaria, il cui sviluppo si verifica in conseguenza di altre malattie.

Quali sono i sintomi della coxartrosi?

I sintomi della coxartrosi sono pronunciati, quindi non è difficile diagnosticare la malattia. Tuttavia, non bisogna dimenticare che i sintomi della coxartrosi dipendono dal grado della malattia. I principali segni della malattia includono:

  1. dolore costante nell'articolazione dell'anca, nel ginocchio, che non si attenua nemmeno a riposo.
  2. rigidità durante lo spostamento.
  3. zoppicando.
  4. con una malattia più avanzata, la gamba malata si accorcia.
  5. sviluppare atrofia muscolare.

L'errore delle persone è che ignorano il primo e principale sintomo della malattia - il dolore nell'articolazione dell'anca, ritenendo che il dolore possa passare da solo.

Tuttavia, questo è un grande errore, perché la coxartrosi nella fase iniziale può essere trattata facilmente e con successo.

Ma in generale, i pazienti stanno già girando quando il dolore non è affatto possibile, si verifica una limitazione della mobilità delle gambe, si verifica la distruzione dell'articolazione dell'anca, atrofia dei muscoli della coscia.

Grado (stadio) coxartrosi

Nella pratica medica, ci sono tre gradi di sviluppo della coxartrosi dell'articolazione dell'anca:

Grado 1 - è caratterizzato da dolori ricorrenti non molto forti che possono verificarsi dopo uno sforzo fisico prolungato. Il dolore si concentra nell'area dell'anca. Dopo il riposo, il dolore si attenua. Se esegui una radiografia, puoi rilevare i cambiamenti iniziali nelle ossa del bacino. La fessura articolare è ridotta in modo non uniforme, si osservano gradualmente crescite leggere nell'osso.. Ma il collo e la testa del femore sono ancora intatti.

2 gradi - i dolori diventano più intensi. Ora il dolore non passa nemmeno a riposo, viene dato all'inguine e alla coscia. Con il camminare prolungato, appare zoppia. Il funzionamento completo dell'articolazione non è più possibile. Se fai una radiografia, vedrai chiaramente crescite ossee progressive. Iniziata la deformazione della testa del femore. Può avere un contorno irregolare, o aumenterà notevolmente di volume e si muoverà verso l'alto. Può rilevare la formazione di cisti. C'è un ispessimento e un'espansione del collo dell'anca.

Grado 3 - è caratterizzato da dolore severo persistente, inesorabile anche di notte. Il supporto è già necessario per camminare. I muscoli del gluteo, della parte inferiore della gamba, della coscia sono atrofizzati e il movimento nell'articolazione è limitato.

In questa fase della malattia, l'inclinazione pelvica si verifica, che è la ragione per l'accorciamento della gamba sul lato dolorante, quindi devi camminare sulle dita e inclinare il busto verso il lato dolorante. E questo porta a uno stress supplementare nell'articolazione dolorante. Se guardi la radiografia, puoi trovare una crescita ossea abbondante. Inoltre, il gap articolare scompare completamente, l'articolazione può fondersi in una struttura ossea, di conseguenza, la completa perdita di proprietà immobiliari. Il collo del femore è dilatato al massimo.

Diagnosi della malattia

Per diagnosticare la malattia può solo il medico curante, con l'aiuto di dati clinici e radiologici. Con l'aiuto della ricerca è possibile stabilire il grado di sviluppo della malattia, la sua eziologia. È con l'aiuto dei raggi X che è possibile stabilire una diagnosi accurata e, quindi, prescrivere un trattamento efficace. La cosa principale è che solo uno specialista farebbe questo.

Trattamento della coxartrosi dell'articolazione dell'anca.

Quando la coxartrosi dell'articolazione dell'anca viene diagnosticata da specialisti, viene prescritto un trattamento.

Al 1 ° grado della malattia, il trattamento conservativo è preferito, utilizzando vari farmaci e farmaci (farmaci anti-infiammatori non steroidei, rilassanti muscolari, condroprotettori e altri farmaci).

FANS - buoni antidolorifici per la coxartrosi, alleviare il gonfiore e l'infiammazione dell'articolazione, alleviando così il dolore.

I miorilassanti alleviano lo spasmo muscolare, stimolano la circolazione sanguigna e i condroprotettori aiutano a ripristinare il tessuto cartilagineo danneggiato.

Questi farmaci sono usati sia in compresse che iniezioni, a seconda del grado di dolore e della prescrizione del medico.

Nel trattamento della coxartrosi dell'articolazione dell'anca e dei rimedi popolari. L'uso della medicina tradizionale è possibile in combinazione con un trattamento conservativo, ma è necessario consultare il proprio medico. Un tale tandem di solito dà buoni risultati.

Fondamentalmente, usando unguenti, tinture, lozioni di medicina tradizionale, è possibile rimuovere il dolore, lo spasmo, l'infiammazione, ma non possono avere un effetto terapeutico.

Metodi fisioterapeutici (laserterapia, bagni terapeutici, agopuntura, fangoterapia, massaggi, ginnastica) sono di notevole importanza nel trattamento della coxartrosi.

La scelta degli esercizi viene effettuata con grande cura e solo da uno specialista, in ogni caso per non ferire l'articolazione dolente.

Nel primo e nel secondo stadio dello sviluppo della malattia, viene utilizzato il debridement artroscopico, un intervento chirurgico in cui vengono rimosse le particelle di cartilagine piccole e distrutte. Questo riduce il dolore e riduce la rigidità nell'articolazione.

L'osteotomia periarticolare è un intervento chirurgico in cui il femore viene archiviato in determinati punti e poi ricongiunto con una certa angolazione, il che rende possibile rallentare lo sviluppo della coxartrosi.

Viene eseguita un'operazione molto difficile per sostituire l'articolazione con un'endoprotesi speciale, che viene impiantata nell'osso pelvico e femorale.

Tale protesi fornisce una persona con piena attività vitale, poiché è una copia completa di un giunto reale e ha le sue caratteristiche.

Esercitare ginnastica e ginnastica con la coxartrosi

Il grande vantaggio dell'uso della ginnastica terapeutica nel trattamento della coxartrosi è la possibilità di svolgere a casa una piena e regolare prestazione.

Ginnastica Bubnovsky con coxartrosi

L'osteoartrosi è una malattia cronica di natura degenerativa-distrofica che colpisce vari gruppi articolari. Le più colpite sono quelle articolazioni che sono sottoposte a considerevole stress nella vita di tutti i giorni. Prima di tutto, stiamo parlando degli arti inferiori, ma ci sono anche altri casi, ad esempio, l'artrosi dell'articolazione acromioclavicolare (AKC). Questa è una patologia piuttosto spiacevole, che limita l'attività fisica dei pazienti e, quindi, dovrebbe essere considerata in modo più dettagliato.

motivi

Molte persone credono che l'artrosi sia la maggior parte degli anziani. Infatti, l'usura fisiologica del tessuto cartilagineo ha un certo ruolo nella formazione dei processi degenerativi. Tuttavia, è noto che l'ACS è più spesso colpito in età lavorativa, quando tali cambiamenti non sono ancora caratteristici. In questo caso, dovresti prestare attenzione ad altri fattori:

  • Aumento del carico sulla spalla.
  • Lesioni della clavicola (distorsioni, contusioni, fratture).
  • Infiammazione dell'articolazione (artrite).

Poiché l'articolazione acromioclavicolare non ha una tale mobilità come l'articolazione della spalla, sembrerebbe che il carico su di esso sarà insignificante. Tuttavia, la tensione muscolare prolungata durante il travaglio manuale ha un effetto sufficiente per lo sviluppo dell'artrosi. Atleti incline alla malattia, sollevatori di pesi, facchini, fabbri, fabbri, minatori.

Di conseguenza, si verifica un danno alla cartilagine articolare, che porta al suo assottigliamento e alla perdita di proprietà ammortizzanti. Diventa più sensibile allo stress e nel metabolismo i processi di distruzione di collagene e proteoglicani iniziano a prevalere sulla loro sintesi. Successivamente, il tessuto osseo sottostante, i legamenti e i muscoli circostanti cambiano, la membrana sinoviale si infiamma, rendendo ancora più difficile il movimento dell'articolazione della spalla.

La comparsa di artrosi acromioclavicolare è associata a un carico eccessivo sui fattori articolari, traumatici, infiammatori e legati all'età.

sintomi

Nell'osteoartrite AKC, il quadro clinico è simile alla lesione dell'articolazione della spalla, che è causata dalla vicinanza anatomica di queste articolazioni: la clavicola si collega al processo acromiale della scapola, situato direttamente sopra la sua cavità. Ma ci sono alcune caratteristiche della malattia, determinate dal ruolo funzionale di questa articolazione.

Se la patologia è nelle prime fasi dello sviluppo, i pazienti generalmente non avvertono alcun cambiamento. L'unica cosa che può infastidirli è un leggero dolore quando si preme sulla clavicola. Ma con lo sviluppo dell'artrosi compaiono nuovi sintomi:

  • Dolore alla spalla.
  • Cliccando e sgranocchiando.
  • Stanchezza aumentata
  • Rigidità del movimento
  • Limitazione della funzione della spalla.

Naturalmente, la lamentela principale è il dolore. Ha un carattere meccanico e di partenza, che si manifesta all'inizio dell'attività fisica e dopo di esso. Ma nel tempo, il disagio non scompare nemmeno a riposo, diventando quasi costante. Con lo sviluppo simultaneo di artrosi dell'articolazione della spalla, vi è una significativa limitazione dell'abduzione e dell'innalzamento del braccio, il che rende impossibile impegnarsi in determinati tipi di lavoro e sport.

Se c'è dolore alla spalla, deve essere considerata la possibilità di osteoartrite dell'ACS. La malattia ha uno sviluppo graduale, ma nei casi più gravi è associata a limitazioni fisiche significative.

diagnostica

La diagnosi di artrosi acromioclavicolare può essere basata solo sui risultati di ulteriori ricerche. L'esame clinico aiuta a suggerire una malattia e conferma con l'aiuto dei metodi di imaging. Questi includono le seguenti procedure:

  • Radiografia dell'articolazione.
  • Imaging a risonanza magnetica.
  • Tomografia computerizzata

Questo esame consente di valutare la gravità dell'artrosi per le sue caratteristiche strutturali: restringimento dello spazio articolare e osteofiti. Inoltre, determinare la presenza di tali cambiamenti nelle articolazioni adiacenti.

trattamento

È necessario trattare le malattie degenerative della ACU usando effetti multidirezionali sull'apparato articolare. Ma va ricordato che il loro effetto dipende dallo stadio dei cambiamenti patologici. E se nelle prime fasi c'è una terapia sufficientemente conservativa, viene ulteriormente considerata la questione del trattamento chirurgico.

Terapia farmacologica

Le malattie dell'apparato muscolo-scheletrico, in particolare l'artrosi, sono indicazioni per la nomina di alcuni farmaci. Usano non solo i farmaci sintomatici, ma anche quelli che hanno un effetto di modificazione strutturale sul tessuto cartilagineo. E se puoi aspettarti un effetto rapido dal primo, questi ultimi richiedono un ricevimento abbastanza lungo. Per l'artrosi acromioclavicolare, si raccomandano i seguenti farmaci:

  • Antinfiammatorio non steroideo (Ksefokam, Dikloberl, Artrozan, Nimesil).
  • Condroprotettore (Mukosat, Hondroksid, Don).
  • Vascolare (Solcoseryl).
  • Vitamine e oligoelementi.

Il trattamento della sindrome del dolore pronunciato viene effettuato utilizzando la somministrazione intra-articolare di farmaci ormonali: Diprospan, Kenalog, Hydrocortisone. Inoltre, applicare l'applicazione di unguenti, applicando una crema o un gel (Dolobene, Diklak, Obiettivo T).

La prescrizione di farmaci è competenza del medico. Solo uno specialista sa quale dosaggio e corso di somministrazione saranno ottimali per il paziente.

fisioterapia

Il trattamento non farmacologico dell'artrosi include metodi fisici di esposizione. Aiutano a sbarazzarsi di infiammazione, ridurre il dolore e migliorare i processi biochimici nella cartilagine. Pertanto, la fisioterapia mira non solo a eliminare le esacerbazioni, ma anche a stimolare la rigenerazione dei tessuti danneggiati. Le seguenti procedure sono piuttosto efficaci:

  • Correnti sinusoidali.
  • Elettroforesi.
  • Irradiazione UV.
  • Trattamento laser
  • La terapia magnetica.
  • Riflessologia.

Oltre all'effetto locale, i metodi fisici hanno un effetto positivo generale sul corpo migliorando la circolazione del sangue e modulando le risposte immunitarie.

Ginnastica terapeutica

Efficace trattamento di malattie del sistema muscolo-scheletrico, compresa l'artrosi della ACU, è impossibile senza ginnastica speciale. I giusti esercizi aiutano ad espandere la gamma di movimento, rafforzare i muscoli e, in una certa misura, stimolare la sintesi di componenti del tessuto cartilagineo senza provocare la sua distruzione. Ma questo può essere fatto solo dopo la rimozione dei fenomeni acuti: dolore e infiammazione. E prima dovresti in ogni modo limitare il carico sull'articolazione, ad esempio usando una benda.

Gli esercizi iniziano con movimenti leggeri per il cingolo scapolare, che includono i seguenti:

  • Braccio oscillante a pendolo.
  • Sollevamento e rotazione delle spalle.
  • Portare l'arto colpito alla spalla opposta, aiutando con una mano sana.
  • Inserimento delle mani dietro la schiena dall'alto, raggiungendo la scapola, e dal basso, bloccando il "blocco".
  • Sporgendosi in avanti con uno schienale.
  • Afferrando le estremità degli asciugamani, alza le mani e spostale indietro.

La ginnastica non dovrebbe causare dolore, è eseguita senza intoppi, senza movimenti bruschi. Le lezioni si svolgono sotto la supervisione di un medico.

massaggio

Nel complesso del trattamento conservativo dell'artrosi è anche presente un massaggio alla spalla. Come la ginnastica attiva, è indicata solo dopo l'eliminazione del dolore acuto nell'articolazione acromioclavicolare. Vengono utilizzate tecniche di massaggio standard, che includono elementi di carezza, sfregamento, impastamento, pressione, ecc. L'effetto si ottiene migliorando il flusso sanguigno nei tessuti molli e normalizzando il tono muscolare, il che aiuta a ripristinare la gamma di movimenti persi.

operazione

L'inefficacia della terapia conservativa solleva la questione della fattibilità della correzione chirurgica dell'artrosi di fronte al paziente e al medico. In caso di marcata distruzione della parte acromiale della clavicola, viene rimosso (artroplastica di resezione). E lo spazio apparso viene gradualmente riempito di tessuto connettivo e si forma una cosiddetta falsa articolazione. Fornisce la mobilità tra clavicola e scapola. Il periodo di riabilitazione è di circa 2 mesi.

L'osteoartrosi dell'articolazione acromioclavicolare non è una malattia così rara come potrebbe sembrare a prima vista. Il suo sviluppo e trattamento si inserisce nello schema generale della patologia degenerativa-distrofica della regione della spalla.

Le principali cause e sintomi della nocoartrosi e il trattamento della malattia

La uncoartrosi è un tipo di artrosi cronica e degenerativa della colonna vertebrale, che provoca la distruzione del tessuto cartilagineo tra i corpi vertebrali.

Quando ciò accade, il normale movimento della regione cervicale è disturbato e vari sintomi neurologici appaiono a causa della grande presenza di vasi sanguigni e fasci nervosi nella regione cervicale.

Cause del dolore

C'è un certo insieme di malattie e condizioni, a causa della presenza di cui aumenta il rischio di artrosi cervicale. Può essere una malattia congenita, così come acquisita durante la vita.

In particolare, potrebbe trattarsi di un'anomalia congenita dello sviluppo delle vertebre cervicali, in particolare la prima e la seconda, chiamata occipitalizzazione.

Malattie acquisite come lesioni del rachide cervicale, piedi piatti, dislocazione dell'articolazione dell'anca, poliomielite e altri possono avere un effetto sull'artrosi del rachide cervicale.

È inoltre necessario tenere conto della presenza di eccesso di peso, stile di vita sedentario e inattività fisica, che influiscono negativamente sulla salute della colonna vertebrale.

I processi che si verificano nella colonna vertebrale con uncoartrosi

Se al paziente viene diagnosticata un'artrosi del rachide cervicale, il trattamento deve essere iniziato immediatamente, poiché il processo di distruzione del tessuto cartilagine procede rapidamente.

La distruzione del distanziatore elastico tra le vertebre rende difficile assorbire i movimenti e porta al pizzicamento dei vasi, nervi e muscoli che passano.

Con il progredire della malattia, si verificano assottigliamento del tessuto cartilagineo e perdita di liquidi. Ciò porta ad una mancanza di elasticità necessaria per l'attività motoria.

Allo stesso tempo, la formazione di escrescenze ossee speciali sulle vertebre cervicali - osteofiti, che hanno una caratteristica speciale di coalescenza.

La calcificazione dei legamenti cervicali porta ad una perdita della loro forza ed elasticità.

Il dolore al collo si verifica a causa della compressione dei legamenti e dei muscoli che limitano i dischi vertebrali.

I sintomi di uncoartrosi

Il primo e più significativo sintomo è il dolore al collo, che è locale. È possibile determinare esattamente quale delle vertebre ha un problema.

Il disco intervertebrale sporgente preme contro il tessuto connettivo ricco di fibre nervose. La tensione dei muscoli riflessi nell'area della protrusione del disco porta al loro lungo spasming, che è la ragione per limitare i movimenti del collo.

Se l'artrosi della cervice è ancora in una fase precoce, le sensazioni dolorose compaiono in periodi. Sono provocati da un forte movimento della testa o sollevamento pesi.

È più facile curare la malattia incipiente in una o due settimane se si visita il medico in tempo, che prescriverà il trattamento appropriato.

Un altro importante sintomo di uncoartrosi è il forte clic quando si muove il collo, girando o inclinando la testa. Un colpo caratteristico nell'area dell'articolazione può verificarsi quando esposto all'area da un chiropratico.

Con una forte sporgenza dei dischi intervertebrali, le terminazioni nervose e le navi che si trovano nelle vicinanze sono compresse. Di conseguenza, si possono notare i sintomi associati alla neurologia, come ad esempio:

  • dolore al petto;
  • un salto nella pressione sanguigna;
  • oscuramento degli occhi;
  • mal di testa;
  • vertigini e perdita di equilibrio.

diagnostica

Per fare una diagnosi di uncoartrosi, al paziente viene chiesto in dettaglio la natura e la frequenza del dolore che si verifica, vengono esaminati, rivelando dolore in alcuni punti.

Strumenti diagnostici indispensabili sono metodi come:

  • Raggi X;
  • imaging a risonanza magnetica.

Questi sono metodi diagnostici chiave, i cui risultati mostrano prove di danni ai legamenti e ai muscoli nelle vertebre cervicali problematiche.

Trattamento di uncoartrosi

L'artrosi della colonna cervicale consente il trattamento a domicilio in regime ambulatoriale. I compiti principali che il trattamento della malattia si pone sono la rimozione della sindrome del dolore e la garanzia del riposo muscolare della regione cervicale.

Per fissare il collo e limitare i suoi movimenti, viene utilizzato il cosiddetto collare Trench, che distribuisce uniformemente il carico sui muscoli e sulle vertebre.

Con la regressione della fase acuta della malattia, è possibile ripristinare gradualmente l'attività motoria e assegnare un massaggio e una terapia di esercizio.

Sintomi per alleviare i sintomi

Al fine di alleviare il dolore e gli spasmi muscolari, il medico prescrive i seguenti farmaci:

  • diclofenac;
  • naproxene;
  • nimesulide;
  • rilassanti muscolari (sirdalud).

Il trattamento antinfiammatorio non steroideo con questi farmaci riduce il dolore e l'infiammazione.

Trattamento vascolare

I farmaci che stimolano la microcircolazione sono prescritti per migliorare la nutrizione della cartilagine e dei legamenti nella zona danneggiata. Questi sono farmaci come:

Preparati condroprotettori

Poiché durante il decorso della malattia si verifica la distruzione del tessuto cartilagineo, sono necessari farmaci che forniscano materiale da costruzione per i condrociti.

Pertanto, il trattamento dell'osteoartrite prevede l'uso di condroprotettori, che aiutano a fermare i processi distruttivi e migliorare il funzionamento delle articolazioni.

fisioterapia

I metodi di fisioterapia apportano un contributo positivo al trattamento della non articolazione. L'uso più giustificato di:

  • fonoforesi;
  • elettroforesi;
  • terapia di amplifulse;
  • magnetoterapia.

Dopo il ritiro della fase acuta della malattia, in assenza di dolore, ginnastica prescritta e agopuntura.